Il leader della Lega, Matteo Salvini, è stato contestato da Sinistra per la Lombardia e dalla Banda degli ottoni a scoppio al mercato di piazza Prealpi a Milano. I musicisti hanno accolto Salvini suonando ‘Bella ciao, L’Internazionale e Fischia il vento. Hanno poi lanciato coriandoli verso gli attivisti della destra che volantinavano per il candidato governatore Attilio Fontana e hanno distribuito le chiacchiere, tipico dolce di carnevale, al leader della Lega. “Siamo qui perché le uniche chiacchiere che ci piacciono son quelle da mangiare, non le chiacchiere e le bugie con le quali la Lega ha governato questa regione”, ha detto il candidato di Sinistra per la Lombardia, Igor Bonazzoli. “Sanno tutto il repertorio sovietico”, ha risposto Salvini rivolgendosi ai suoi sostenitori. Il leader della Lega è stato avvicinato da diversi sostenitori ma anche da tre contestatori con le bandiera di Potere al Popolo “Protestare così è civile e bello, non come a Rovereto dove hanno tirato i sassi”, ha poi commentato il leader leghisti coi giornalisti.  Ma su Bella Ciao Salvini ha voluto fare anche un appunto. “La musica è bella, è il testo che è un po’ datato – ha detto -. Io adoro i cori alpini, i cori di montagna, quindi mi piace un certo tipo di musica. Sono alcuni testi che andrebbero rivisti: i ‘compagni dei campi e delle officine penso che con la sinistra di oggi abbiano poco a che fare. Compagni delle banche, forse dovrebbero dire”