“Mele marce? Altro che mele marce, è un’ortofrutta. Di Maio ricorda Craxi con il mariuolo Mario Chiesa”. Il segretario del Pd, Matteo Renzi,  a “Otto e mezzo” su La7, commenta così la decisione del candidato premier del M5s di buttare fuori dal MoVimento tutti coloro che dovessero risultare responsabili di aver barato sui rimborsi.

I conti non tornano, il “buco” si allarga. Con il passare delle ore i 200mila euro sono diventati un milione di euro. Perché nei 23,4 milioni confluiti nel Fondo per le piccole e medie imprese ci sarebbero anche 600mila euro di restituzioni da parte degli europarlamentari e circa mezzo milione in arrivo dai gruppi regionali di Emilia Romagna, Liguria e Veneto. Non sono stati solo Andrea Cecconi e Carlo Martelli – che hanno annunciato il passo indietro lo scorso 8 febbraio – a barare sui bonifici, quindi: la cifra non versata dai due a inizio febbraio sarebbe stata rispettivamente di 21mila e 77mila euro. Ma manca molto di più, forse dieci volte tanto.

“Ci fanno la morale, ci dicono che noi abbiamo gli impresentabili, ma si sono trasformati: si sono trasformati nell’arca di Noè e sono saliti a bordo truffatori, scrocconi, riciclati di altri partiti politici e massoni. Portano in Parlamento i Scilipoti e i Razzi della prossima legislatura”, scandisce, sfidando il candidato premier M5S a querelarlo se dice il falso, “tanto io, a differenza sua, non ho l’immunità”.

La rincorsa di Renzi, con i sondaggi il Pd in picchiata, passa anche per toni meno soft del solito. Anche Pietro Grasso gli offre un assist niente male per provare a coprirsì a sinistra. Vuole reintrodurre il tetto degli stipendi per i funzionari del Senato? “Credo che ci stia prendendo in giro. Si chiamava ‘tetto Renzi’ perché lo abbiamo messo noi. Grasso è l’unico che non lo rispetta. Che ci venga a fare la morale anche no”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, il surreale comizio del candidato di Casapound a Bologna: lo segue solo un ciclista (che però lo insulta)

next
Articolo Successivo

Elezioni, Renzi: “M5s? Arca di Noè per truffatori, scrocconi, riciclati e massoni. Stanno eleggendo i nuovi Razzi e Scilipoti”

next