“Con grande piacere, vi invitiamo domani, lunedì 12 febbraio alle ore 16:00,  presso la gelateria Anni 20 in Via Mattarella a Bagheria“. L’invito gira sui social network manco un’inaugurazione. E invece è l’evento ufficiale per presentare i candidati del Pd alle prossime elezioni politiche. Che dunque non incontreranno gli elettori all’interno del circolo ufficiale del partito, ma – appunto – in una gelateria. Una decisione che ha allargato ulteriormente la spaccatura all’interno del Pd in Sicilia. Anche perché i dirigenti locali del partito nulla sapevano della scelta di presentare gli aspiranti parlamentari davanti alle coppette e ai coni gelato.

“Il circolo del Partito democratico di Bagheria apprende solo dalla stampa che lunedì 12 si svolgerà in città, in una gelateria, la presentazione dei candidati del partito alle elezioni politiche.
Per quanto possa sembrare paradossale tale notizia è veritiera e del resto si inserisce perfettamente nella cornice con cui tali candidature sono state selezionate, ovvero senza la minima consultazione e ignorando Bagheria e tutto il comprensorio. Per tanto, stando così le cose, il circolo esprime in pieno il suo disappunto e disimpegno da questo evento”, è il post pubblicato sull’account ufficiale dei dem di Bagheria, grossa città in provincia di Palermo. È uno dei tre collegi in Sicilia dove Matteo Renzi ha imposto la candidatura come capolista, nel listino proporzionale della Camera, di Maria Elena Boschi

Un’imposizione, quella di “paracadutare” Boschi sull’isola, che aveva spaccato il partito. E che aveva convinto alcuni dirigenti siciliani a creare i “partigiani del Pd“, una nuova corrente nata per contestare  “il modello padronale del partito”. E sono proprio i partigiani del Pd che attaccano il sottosegretario Davide Faraone per la scelta di presentare i candidati in una gelateria, isolando i vertici locali del partito. “L’organizzazione a Bagheria di un’assemblea con i candidati Pd in una gelateria contro il circolo locale, orchestrata da Davide Faraone e dai suoi uomini, è una cosa di una gravità senza precedenti”, dice Carmelo Greco, uno dei dissidenti. Che poi ricorda come Bagheria sia amministrata dal Movimento 5 stelle, usciti vittoriosi dalle amministrative del 2014 proprio a causa delle scelte operate dal partito in città. “Conosciamo bene il Pd locale e sappiamo con quanta passione, anche in questa campagna elettorale, lavorano per il nostro partito – continua Greco – Da quattro anni quei ragazzi sono impegnati in una battaglia ‘corpo a corpo’ con Il Movimento 5 stelle. Questi gesti rischiano di isolarli a vantaggio dell’avversario. A questo punto Faraone offra il gelato pure ai grillini. Matteo Renzi non può più assecondare il sottosegretario in atti di questo tipo. Lo fermi”.

l clima tra i dem sull’isola si era surriscaldato nel giorno del deposito delle liste per le politiche del prossimo 4 marzo, quando dal Nazareno avevano imposto la candidatura di Boschi.  “Un atto di bullismo”, l’avevano definito i dirigenti dem. Ma non solo. Nelle liste del Pd in Sicilia sono stati inseriti una serie di candidati con trascorsi politici nel centro destra. C’è Nicola D’Agostino, ex capogruppo del Movimento per l’Autonomia di Raffaele Lombardo. E poi Valeria Sudano, che Totò Cuffaro definisce una “sua amica“. E gli immancabili “figli di“: l’erede dell’ex ministro Totò Cardinale, che ormai da dieci anni ha ricevuto in dote dal padre il seggio al Parlamento. E Calogero Sodano, rampollo dell’ex sindaco di Agrigento, già senatore del centrodestra con un nutrito curriculum giudiziario.