“Premiato poltronificio leghista”. Così Gianluigi Paragone va all’attacco di Stefano Candiani (suo avversario diretto nel collegio uninominale di Varese per il Senato) e Dario Galli, da poco nuovamente sindaco della cittadina di Tradate (Varese) e candidato alla Camera per la Lega. Un autentico “professionista” della politica che nella sua carriera ha collezionato un invidiabile numero di incarichi. “A Tradate, ma come in tante altre parti d’Italia, la politica di professione è una prassi ben consolidata.  Ci si candida, ci si fa eleggere, si governa un territorio come se fosse un feudo e poi si passa all’elezione successiva”. E marca le distanze: “Noi del Movimento sosteniamo da sempre la regola dei due mandati, perché la politica non deve essere il posto fisso per i soliti noti, ma una missione a cui dedichi parte della tua vita senza creare potentati o centri di clientelismo”. Ma la risposta di Candiani non si è fatta attendere: “Opportunista”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Candiani (Lega) vs Paragone (M5S): “Come sei arrivato in Rai? Per merito o per politica?” e lo attacca sull’opportunismo

next
Articolo Successivo

Elezioni, il giorno in cui trionfò Potere al Popolo

next