“Premiato poltronificio leghista”. Così Gianluigi Paragone va all’attacco di Stefano Candiani (suo avversario diretto nel collegio uninominale di Varese per il Senato) e Dario Galli, da poco nuovamente sindaco della cittadina di Tradate (Varese) e candidato alla Camera per la Lega. Un autentico “professionista” della politica che nella sua carriera ha collezionato un invidiabile numero di incarichi. “A Tradate, ma come in tante altre parti d’Italia, la politica di professione è una prassi ben consolidata.  Ci si candida, ci si fa eleggere, si governa un territorio come se fosse un feudo e poi si passa all’elezione successiva”. E marca le distanze: “Noi del Movimento sosteniamo da sempre la regola dei due mandati, perché la politica non deve essere il posto fisso per i soliti noti, ma una missione a cui dedichi parte della tua vita senza creare potentati o centri di clientelismo”. Ma la risposta di Candiani non si è fatta attendere: “Opportunista”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Candiani (Lega) vs Paragone (M5S): “Come sei arrivato in Rai? Per merito o per politica?” e lo attacca sull’opportunismo

next
Articolo Successivo

Elezioni, il giorno in cui trionfò Potere al Popolo

next