In molti commenti e perfino in qualche post leggo una delusione, nei confronti dell’università italiana, che rasenta il disfattismo e l’aperto disprezzo. Nei miei post precedenti non ho lesinato critiche, mi pare, ma ci sono elementi che mi rendono ottimista e fiero della istituzione in cui opero. Uno è il grande numero di ex-studenti che mi raggiungono su LinkedIn da posizioni di responsabilità in Italia e nel mondo. Un dato oggettivo è costituito dalle statistiche di AlmaLaurea; emerge chiaramente che i laureati (almeno dell’ambito scientifico-tecnologico) trovano rapidamente lavoro. Un altro elemento sono le tesi. Io ho tre insegnamenti a Ingegneria e uno a Matematica ma come topologo ho, comprensibilmente, molti più laureati a Matematica che a Ingegneria (scrivo al maschile ma in realtà ho più laureate). A proposito, molti miei colleghi hanno solo corsi “di servizio” e non hanno la possibilità di dare tesi. Altri invece ne sono oberati, a scapito della qualità della loro supervisione. Questa sperequazione dovrebbe essere sanata.

Quando venne istituito il 3+2 eravamo tutti piuttosto perplessi su cosa assegnare come tesi al termine del percorso triennale. Molti ne volevano l’abolizione e credo che certi corsi di studio abbiano seguito questa strada (con dolore di fotografi, fiorai e pasticceri). Nel tempo ho superato la perplessità e sono soddisfatto anche delle tesi di triennale: è comunque un primo momento, nella storia educativa di uno studente, in cui può dare qualcosa di nuovo al professore invece che limitarsi a restituire ciò che gli è stato detto a lezione o ha letto sul libro. Infatti persino una buona tesi compilativa può esporre il laureando a ricerche attuali e magari ad aspetti applicativi di ciò che ha studiato e può dare a me una sintesi di argomenti di mio interesse. Magari è anche la prima volta che lo studente vede un teorema scritto da un matematico vivente! In certi casi è la prima volta che deve leggere del materiale in inglese.

Per carità, non mancano i furbetti o gli ingenui che credono di poter fare un mosaico di taglia-e-incolla presi da Internet; e mi sono capitati quelli che dovevo trascinare per i capelli fuori dalle sabbie mobili (d’altra parte quando mai li avevamo allenati all’iniziativa?). In generale, però, l’esperienza di tesi si rivela un momento di crescita e di estrinsecazione della personalità dello studente ed è un punto di osservazione formidabile per un docente (c’è da dire che chi arriva alla laurea ha superato una selezione piuttosto severa; c’è da essere meno allegri se si pensa ai tanti studenti che abbiamo lasciato perdersi per strada senza un precedente orientamento e un aiuto efficaci).

Naturalmente le esperienze più ricche – a parte ovviamente le tesi di dottorato – sono quelle di laurea magistrale: chi aspira a una carriera scientifica ha finalmente l’occasione di inserirsi in un gruppo di ricerca e di lasciare una pur piccola impronta nella sua disciplina; quella sensazione di calpestare neve vergine è impagabile. Qualcuno ha invece un primo contatto con una realtà aziendale. Un futuro insegnante vede la sua materia in modo molto più vivo e tutti sappiamo quanto questo sarà prezioso per i suoi allievi. Talvolta poi si realizza il miracolo di coniugare nella tesi la propria materia di elezione e un interesse personale, che sia musica, linguistica o (credetemi!) fumetti o parchi d’attrazioni. È meraviglioso vedere dei giovani appassionarsi e creare qualcosa di indiscutibilmente proprio.

Questo senso di proprietà mi risulta particolarmente evidente quando siedo in commissione di laurea a Ingegneria: rivedo dopo tre o cinque anni ragazzi che avevo conosciuto freschi di esame di maturità, ancora in fase di orientamento; ed eccoli qua, che parlano di argomenti avanzati con sicurezza e proprietà, che rispondono alle domande senza esitazione. L’ultima volta, dopo la proclamazione, ne ho catturati due che avevano usato strumenti tipici del mio corso principale e li ho invitati a parlare delle loro tesi alle matricole. Non solo hanno accettato subito, ma sono stati formidabili, senza un briciolo di timore davanti a un’aula piena di 250 studenti; nonostante fossimo a fine giornata (dalle 18 alle 19!) ci sono state parecchie, interessanti domande a cui hanno risposto con una chiarezza invidiabile. Un’esperienza stupenda per me, per loro e soprattutto per le mie matricole. Poi volete che non sia ottimista?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, 3,6 milioni all’anno per portare frutta e verdura agli alunni. Le denunce: arrivano “sporche” o “con la muffa”

next
Articolo Successivo

Esami Maturità 2018, le materie della seconda prova: versione di Greco per il Classico e Matematica per lo Scientifico

next