L’ospite d’onore del Villaggio Rousseau organizzato dal M5s a Pescara, il sociologo ed esperto di media Derrick De Kerckhove, smonta una teoria cara ai pentastellati M5S. “La democrazia diretta non c’è, c’è la ‘spia diretta’ che promette una cosa pericolosa: la legge del numero. Gli algoritmi non sono per niente democratici. Oggi la democrazia è gestita da un po’ di volontà umana e da una quantità di rete“, ha detto parlando in conferenza stampa, prima del suo intervento sulla cittadinanza digitale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd chiede ai bolognesi di votare Casini. Ecco come risponde la città, tra rabbia, rassegnazione e realpolitik

prev
Articolo Successivo

Elezioni 2018, il circo osceno della politica per un popolo imbecille

next