‘Caos Parlamentarie’? “Rousseau è una piattaforma innovativa che da la possibilità a migliaia di persone di candidarsi liberamente e ad altre miglia migliaia di votarli può creare a dei rallentamenti nel momento della votazione”. Per il responsabile della piattaforma Rousseau Massimo Bugani, il caos della parlamentarie è un caso chiuso. “Si è votato in due giorni e non mi sembra che  ci siano stati problemi. E’ stata una cosa abbastanza tranquilla”. “Rousseau non è la segreteria di partito”, afferma nella conferenza stampa di apertura del ‘Villaggio Rousseau’ a Pescara. La tre giorni nella quale, oltre ai corsi per militanti ed attivisti, si presenterà il programma di governo firmato M5s. Eppure nel nuovo statuto della terza e nuova associazione che porterà il M5s alle prossime elezioni politiche, è sparita il passaggio “il M5S non è politico né si intende che lo diventi in futuro“. Questo cosa significa? “Non so, non dovete chiedere a me – afferma Bugani – la differenza tra noi e gli altri partiti è abissale, perché non ci sono lobby che ci guidano, non ci sono segretari di partito che piazzano le loro persone, quindi assimilarci ad un partito è un operazione ridicola”. La piattaforma Rousseau nelle settimane scorse è finita nelle lente d’ingrandimento del Garante della Privacy che ha ravvisato “illeciti nel trattamento dei dati degli utenti” in quanto “il voto elettronico non è anonimo”, ma per il responsabile di Rousseau il problema sono gli hacker “che vanno a prendere i dati di grandi piattaforme. Da un Garante noi ci aspettiamo una condanna degli hacker. Certo che conserviamo i dati”, aggiunge poi, senza spiegare perché il voto elettronico degli iscritti non resti anonimo. “Ricordate che vanno condannati gli hacker invece di fare gli sciocchini con queste dichiarazioni”, taglia corto Bugani

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Grillo: ‘Parlamentarie? Se ci sono errori, recuperiamo’. E su Casapound: ‘Nazisti che fanno finta di essere normali’

prev
Articolo Successivo

Liliana Segre senatrice a vita, la prima nominata da Mattarella è la reduce della Shoah: “Coltivare memoria contro l’odio”

next