“Abbiamo presentato il simbolo della prima forza politica del Paese, vogliamo andare al governo, andremo al governo”. A rivendicarlo è il candidato premier del M5s Luigi Di Maio, all’uscita dal Viminale, dove ha depositato il nuovo logo pentastellato, insieme a Davide Casaleggio e Beppe Grillo. Un contrassegno che ora è rappresentativo della terza associazione, con Di Maio capo politico e Grillo garante. Ai cronisti Beppe Grillo ha spiegato come il Movimento sia entrato nella sua “fase adulta”. Resto però il nodo alleanze. Non ci saranno, nemmeno col Pd: “Sono domande senza senso, è come dire che un giorno un panda può mangiare carne cruda. Noi mangiamo solo cuore di bamboo”. Per il garante esiste, di fatto, soltanto il M5s: “Noi siamo l’unica forza politica nuova”. Sul caos parlamentarie, invece, ha ammesso la possibilità di errori, dopo le polemiche nate per l’esclusione di diversi candidati, compresi parlamentari uscenti: “Se ci sono errori recupereremo”, ha spiegato al Fatto.it.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Le mamme devono tornare a fare le mamme’, così Pirozzi ha svilito decenni di lotte

prev
Articolo Successivo

M5s, comizio di Roberta Lombardi contro i burocrati della Sanità: “Ce lo stanno leccando anche a noi… prima ce lo leccano, poi…”

next