“Non metto in dubbio che ci siano bravissime persone che sono state escluse, ma ci sono un capo politico e un garante che si assumono delle responsabilità. Hanno ritenuto che qualcuno non era ancora pronto per un’esperienza parlamentare. Ma noi abbiamo potuto candidare migliaia di persone e fatto scegliere da migliaia e migliaia di iscritti”. Alessandro Di Battista ha commentato così le polemiche scoppiate sulle votazioni per scegliere i candidati al parlamento del Movimento 5 Stelle.  “E’ normale che ci siano delle polemiche – ha aggiunto – ma questo fa parte delle nostre regole interne”.

“Da noi – chiude il pentastellato – ci sono migliaia di persone che si sono potute candidare liberamente e che hanno votato. I partiti politici, invece, decidono di candidare Casini per premiarlo del lavoro politicamente sporco che ha provato a fare, senza esito, in commissione Banche, provando a salvare la sottosegretaria Maria Elena Boschi senza neanche riuscirci”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Berlusconi come De Benedetti: “Renzi? Una promessa in cui ho creduto”. E su Di Maio: “Bel faccino, ma inadatto”

prev
Articolo Successivo

Elezioni, “i mercati tifano larghe intese. Vittoria M5s scenario peggiore. Ma le promesse di tutti i leader aumentano debito”

next