L’avevano invitata a bere un cocktail in un locale di via Crema, zona Porta Romana, a Milano. Si conoscevano e lei si fidava. Ma l’hanno poi narcotizzata con le benzodiazepine, la cosiddetta droga dello stupro. Ci sono anche le immagini delle telecamere a riprendere il momento in cui versano la sostanza nel drink all’interno del locale. E hanno poi abusato di lei per tutta la notte.

Sono stati arrestati in tre, due dei quali recidivi e incastrati dall’esame del dna. Mentre il ruolo del terzo è emerso grazie alle intercettazioni. Il gruppo aveva ideato il piano approfittando dell’amicizia della ragazza, una 22enne, con uno di loro. La vittima ha raccontato che la sera del 13 aprile 2017 ha accettato l’invito del 29enne, con cui era uscita un paio di volte. Lui era molto preso da lei e non accettava di essere considerato solo un amico, ma tale rapporto era stato sottolineato dalla ragazza anche la sera stessa.

Agli investigatori ha raccontato di aver raggiunto il locale in via Crema sull’auto dell’amico che aveva già a bordo gli altri due uomini. Durante la serata ha bevuto diversi drink, alcuni dei quali consegnati direttamente dal conoscente. Le telecamere nel locale hanno registrato il momento in cui versano per tre volte le benzodiazepine nel bicchiere della vittima. Stordita, la ragazza è stata poi portata in un appartamento in Brianza, dove è avvenuta la violenza.

Il giorno dopo la ragazza si è svegliata in stato confusionale e mezza nuda. Presa dal panico ha chiamato il primo numero in rubrica e ha chiesto aiuto ma a quel punto gli aggressori si sono svegliati e hanno accettato di accompagnarla a casa. Durante il tragitto – e anche successivamente con messaggi – ha ripetuto che doveva smettere di “prendere tutta quella cocaina” e che di fatto l’avevano salvata.

Poche ore dopo il ritorno a casa, la 22enne ha iniziato ad avere dolori e alcuni flash della notte. Alla clinica Mangiagalli, specializzata nel supporto che hanno subito violenze sessuali, hanno confermato lo stupro e dalle analisi è emerso che la ragazza aveva un livello di benzodiazepine superiore di oltre quattro volte quello massimo. Dal certificato si legge che erano superiori a 900 a fronte di una positività superiore a 200.

L’inchiesta è stata coordinata dalla procuratrice aggiunta Letizia Mannella e dal pm Gianluca Prisco. “Difficilmente dimenticherò questa vicenda. Al risveglio questa ragazza si è sentita dire dai suoi aguzzini che era drogata e che erano stati loro a salvarla”, spiega Mannella. “Il nostro impegno è costante per i delitti ai danni delle donne – aggiunge la magistrata – Particolare attenzione è data alle situazioni in cui le donne vengono aggredite in strada, come fossero selvaggina“.