“Se dovesse essere giudicato irrilevante l’aiuto che ho dato a Fabiano, a una assoluzione preferisco una condanna”. Lo ha detto Marco Cappato, l’esponente dei radicali imputato per aiuto al suicidio a Milano per aver accompagnato Dj Fabo in Svizzera per mettere in atto la procedura della ‘dolce morte’, nelle sue dichiarazioni spontanee in aula. Dichiarazioni con cui ha rivendicato di essere “andato ad aiutare una persona che aveva il diritto a morire con dignità”. Cappato – che ha preso la parola dopo che i suoi difensori hanno chiesto alla Corte d’assiste di mandarlo assolto “perché il fatto non sussiste” – ha chiesto alla Corte di fare una “riflessione” su quante persone in questi anni si sono recate oltre confine per praticare il suicidio assistito in modo “clandestino”. “La differenza – ha aggiunto – e’ che qui Fabiano ha voluto agire pubblicamente”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, avvocatessa musulmana indossa il velo in Tribunale: il giudice la fa uscire dall’Aula

prev
Articolo Successivo

Michele Gesualdi, addio all’uomo simbolo della lotta per il biotestamento. “Fate presto”, il suo grido disperato alla politica

next