Oggi baby gang. Ieri femminicidio. Due settimane fa le fake news. L’altro anno rapine in villa. L’altro ancora bimbi maltrattati. I media, seguendo un istinto tanto primordiale quanto fraudolento, concentrano la loro attenzione su una questione, generalmente di grande presa popolare, e per un periodo più o meno lungo dispiegano ogni interesse su di essa. Si crea l’effetto occhio di bue: una luce che inquadra una sola scena e poi il buio su tutto il resto.

È un processo selettivo dell’attenzione, naturale o indotta, che banalizza e semplifica la realtà, imponendo con la distrazione di massa un tema, uno solo. Ora è la volta delle baby gang delle periferie napoletane, fenomeno ahimè antico ed effetto di una condizione civile e culturale disastrosa. Tutta la catena di montaggio dell’attenzione si sposta però sotto il Vesuvio, e noi con loro. La politica, che segue lo stesso criterio, mette al centro del suo impegno pro tempore quell’evento. E infatti oggi a Napoli è previsto un vertice straordinario col ministro dell’Interno.

Il tema rimarrà in vita ancora per qualche giorno, fino a che un altro (ancora femminicidio o temporali e slavine, cibo avariato, vaccini, no tax?) non ne prenderà il posto. In campagna elettorale va forte la criminalità organizzata, le rapine soprattutto. Tra febbraio e marzo conteremo una rapina al giorno, tra la Lombardia e il Veneto, con quel che seguirà in televisione. L’operazione politica, mediatica e propagandistica è equivalente a quella che in ginecologia si promuove con l’induzione al parto. Tu quale paura vuoi avere? Io ti offro sia la paura che la salvezza da essa. Menù à la carte, ne abbiamo per ogni gusto e per ogni elettore.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Calenda, nuova Madonna pellegrina – L’Istantanea di Antonello Caporale

next
Articolo Successivo

Vuoi essere eletto? Chiama il dj Francesco – L’Istantanea di Antonello Caporale

next