“Non passa giorno senza che io mi metta a pensare e ripensare a cosa sarebbe successo se avessi preso decisioni diverse nel corso della giornata del 9 settembre nelle ore in cui veniva allestita la macchina per affrontare la fase dell’allerta meteo”. Queste le parole del sindaco di Livorno Filippo Nogarin il giorno dopo l’interrogatorio in Procura in cui i pm gli hanno comunicato di essere indagato per concorso in omicidio colposo plurimo nell’inchiesta sull’alluvione che ha colpito la città toscana lo scorso 10 settembre causando otto vittime.  

“In momenti in cui si dovrebbe stare ben saldi sulla plancia di comando, lei aspettava. Magari di essere svegliato da qualcuno” lo attacca il capogruppo Pd Pietro Caruso“Per un anno e mezzo noi non sapremo se le decisioni che prende qui dentro saranno prese da una persona che sarà giudicata colpevole o no – afferma Marco Bruciati di Buongiorno Livorno – questa è una responsabilità abbastanza grande che lei si prende e che fa prendere anche a noi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Filippo Nogarin indagato per l’alluvione, la banda degli onesti 5stelle colpisce ancora

prev
Articolo Successivo

“Mattarella? Poteva almeno salutare”. Catanesi delusi tra verde curato e strade asfaltate per l’occasione: “Mai successo”

next