È morto a Roma il giornalista Romano Tamberlich, storico vicedirettore del Tg1 e curatore di rubriche storiche della testata come Tv7 e Speciale Tg1. Nato a Roma nel 1938, ha iniziato la carriera giovanissimo e per trent’anni ha lavorato in Rai, diventando prima caporedattore del politico e poi vicedirettore del Tg1. Si è occupato di vicende centrali della storia italiana, dal caso Moro alla P2 ed è stato un modello per le nuove generazioni di giornalisti. La sua intervista a Tina Anselmi, neo eletta presidente nel 1981 della commissione di inchiesta sulla Loggia P2, resta tra le pagine più importanti del giornalismo radiotelevisivo.

“In pochi giorni – commenta Beppe Giulietti, presidente della Federazione nazionale della stampa – il Tg1 perde un altro dei suoi padri: dopo Albino Longhi se ne va Romano Tamberlich, che è stato suo vice. Due professionisti che rappresentano la parte migliore della tradizione del servizio pubblico, per il grande amore per la professione, il culto per la Costituzione e la libertà di informazione. Romano era squisito, colto, ironico, non sopportava la sciatteria, l’improvvisazione. Ha tirato su intere generazioni di colleghi, con straordinario rigore professionale e grande passione civile”. Fin dalla fondazione, Romano Tamberlich ha fatto parte della giuria del premio Ilaria Alpi, intitolato all’inviata del Tg3 uccisa nel 1994 a Mogadiscio, in Somalia, con l’operatore Miran Hrovatin, e dedicato a valorizzare l’inchiesta televisiva. Nella sua cinquantennale carriera ha vinto numerosi riconoscimenti. Giornalista di razza, autore radiotelevisivo, pronto a mettere negli ultimi anni la sua esperienza a disposizione dell’avventura di Sky Tg24, ma anche pittore e chef, nella sua carriera Romano Tamberlich ha vinto numerosi riconoscimenti. Lascia le figlie Nicoletta e Carlotta, entrambe giornaliste, in forza rispettivamente all’agenzia Ansa e a Rai ParlamentoLascia le figlie Nicoletta e Carlotta, entrambe giornaliste, in forza rispettivamente all’agenzia Ansa e a Rai Parlamento. I suoi funerali saranno celebrati lunedì 8 gennaio alle 12.30 nella chiesa di San Salvatore in Lauro, a Roma.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

PresaDiretta, al via la nuova stagione. Iacona: “Dalle piste ciclabili di Roma al precariato, ecco cosa approfondiremo”

prev
Articolo Successivo

Canone Rai, sei motivi per cui pagarlo è giusto

next