Siamo a Parigi ed è il 1964. Durante un viaggio nella capitale francese, lo scrittore americano e appassionato d’arte James Lord incontra il pittore svizzero Alberto Giacometti, suo vecchio amico. Così Giacometti chiede all’amico di posare per lui: vuole a tutti i costi fare un suo ritratto perché trova abbia ha un viso particolarmente interessante. L’impegno, assicura il pittore, durerà solo un paio di giorni e Lord, lusingato e incuriosito dalla richiesta, accetta volentieri. Inizia così un’amicizia insolita e toccante, ma anche un viaggio illuminante nella bellezza, la frustrazione, la profondità e, a volte, il vero e proprio caos del processo artistico, vissuto tutto con gli occhi di Lord. Lo scrittore si sentirà a tratti ostaggio dello sregolato quanto geniale Giacometti, ma pian piano inizierà a capire la logica che alberga nel caos della mente dell’artista, assistendo alla creazione di uno dei suoi ultimi capolavori.

In uscita nelle sale il prossimo 8 febbraio, Final Portrait è l’affascinante ritratto di un genio all’opera e la storia di un’amicizia tra due uomini profondamente diversi, eppure uniti da un atto creativo in costante evoluzione. Il film racconta anche le difficoltà del processo artistico – a tratti esaltante, a tratti esasperante e sconcertante – chiedendosi se il talento di un grande artista sia un dono o una maledizione. Il ritratto a James Lord sarà per Giacometti un lavoro travagliato in cui l’artista svizzero si metterà a nudo più del suo modello. Tratto dall’autobiografia di James Lord “Un ritratto di Giacometti“, il film è stato scritto e diretto da Stanley Tucci e ha come protagonista il premio Oscar Geoffrey Rush. Il trailer in esclusiva per il Fattoquotidiano.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

E se tornasse Benito Mussolini? Al cinema arriva “Sono tornato” una commedia irriverente che pone l’inquietante interrogativo

next
Articolo Successivo

Weekend della Befana, consigli e sconsigli per le uscite al cinema e in blu-ray

next