Come fate gli auguri? Se dite “buon Natale” siete di destra, se dite “buone feste”, di sinistra. Così si può riassumere la nuova battaglia di Donald Trump.

Durante la cerimonia di accensione dell’albero di Natale alla Casa Bianca e nel suo videomessaggio di auguri pubblicato a Natale, il presidente degli Stati Uniti ha dato vistosamente enfasi alle parole “merry Christmas” (buon Natale).

Soprattutto, dopo il videomessaggio ha pubblicato altri tre post dove, anche tutto in maiuscolo, ha ripetuto l’augurio con le parole “merry Christmas”.

Il motivo di questo atteggiamento è rivelato da uno di questi suoi contenuti: “Le persone sono orgogliose di tornare a dire buon Natale. Sono orgoglioso di aver guidato l’accusa contro l’assalto della nostra cara e bellissima frase. BUON NATALE!!!!!”.

Di quale assalto parla Trump? Secondo un sondaggio del Pew Center il 56% degli americani ritiene che negli ultimi anni l’aspetto religioso delle feste è enfatizzato di meno nel modo in cui gli Usa commemorano il Natale.

Questo allarme della perdita dello spirito religioso del Natale è stato diffuso da una campagna degli evangelici americani dal titolo “war on Christmas” (guerra al Natale). Per fare gli auguri, coloro che non credono in Gesù o non lo vogliono celebrare a Natale, userebbero l’alternativa “happy holidays” (buone feste) secondo loro.

Questa operazione comunicativa dell’uso delle parole “merry Christmas” è un’altra promessa che Trump mantiene agli evangelici. Lo diceva già un anno fa durante alcuni suoi discorsi e l’ha ripetuto in questi mesi.

https://youtu.be/HvGujnwj5gc

Un’altra promessa, si intende, dopo quella che ha portato qualche conseguenza in più: il riconoscimento di Gerusalemme quale capitale d’Israele.

Questo storico riconoscimento infatti fa più felici gli evangelici che gli ebrei americani. La dottrina evangelica predica che il ritorno di Cristo sulla Terra avverrà solo dopo che tutta Israele sarà tornata nelle mani del popolo a cui Dio l’aveva donata. Un altro sondaggio del Pew Center nel 2014 dice che l’82% degli evangelici americani è convinto che Israele era stata data agli ebrei da Dio, contro il 40% degli stessi ebrei degli Stati Uniti.

La politica e la comunicazione di Trump sono sempre più condizionate dai conservatori cristiani.

Probabilmente a questo punto molti si staranno chiedendo: e Obama allora cosa faceva a Natale? Diceva happy holidays al posto di merry christmas? No, in realtà l’ex presidente ha sempre detto buon Natale durante i suoi discorsi di auguri, come dimostra questo collage.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Libia, commando fa esplodere oleodotto: export ridotto di 90mila barili al giorno. Vola prezzo del greggio

next
Articolo Successivo

Kosovo, premier si raddoppia lo stipendio “per comprare vestiti”. Protesta: cravatte davanti alla sede del governo

next