Sono arrivati a bordo di due vetture e hanno minato l’impianto di Al Sider (o Es Sider o Sidra), in Cirenaica, con gli esplosivi. L’oleodotto è saltato in aria e l’attacco terroristico, che non è stato ancora rivendicato, ha fatto volare il prezzo del greggio a New York, dove le quotazioni salgono dell’1,49% a 59,34 dollari. Ora si calcola che l’export petrolifero libico si ridurrà nell’immediato di 90mila barili al giorno.

L’oleodotto, si legge, appartiene alla compagnia Waha, una sussidiaria della compagnia nazionale petrolifera (Noc) che dichiara di produrre 260mila barili al giorno. Dopo l’esplosione ha immediatamente interrotto il pompaggio dal terminale. Il terminale di Al Sider (o Es Sider o Sidra) è sotto il controllo politico-militare del generale Khalifa Haftar, e non è lontano da un altro terminale strategico, quello di Ras Lanuf. Insieme rappresentano i principali terminali del greggio libico. L’oleodotto è operato da Waha Oil e con l’esplosione la produzione è crollata a 60-70mila barili al giorno dai 260mila delle produzione regolare. Waha è una joint venture fra la libica National Oil Corp, Hess, Marathon Oil e ConocoPhillips.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dove nascono i Bitcoin, il reportage del Fatto Quotidiano sulle farm bulgare di criptomonete

prev
Articolo Successivo

Trump, quando anche dire Buon Natale diventa di destra

next