Non solo la nomina di Gilberto Caldarozzi a numero due dell’Antimafia. C’è un altro protagonista dei giorni bui del G8 di Genova che recentemente è stato promosso. Si tratta di Adriano Lauro, 54 anni, nominato questore di Pesaro: il poliziotto era in piazza Alimonda nel giorno in cui venne ammazzato Carlo Giuliani.

Nessun coinvolgimento nella morte del giovane genovese, ma il 20 luglio 2001, mentre i manifestanti urlavano “assassini, assassini” nei confronti degli agenti, lui gettò pietre contro i no-global e poi inseguì alcuni dei presenti urlando “lo hai ammazzato tu, sei stato tu con le pietre… pezzo di m….”. In audizione in Commissione parlamentare sul G8 si era poi difeso sostenendo che “ero convinto che fosse stata la pietra, e che se non avessero attaccato non sarebbe accaduto”.

In questi giorni Lauro era vicequestore aggiunto e gestiva l’ordine pubblico dove e mentre Giuliani venne raggiunto dal proiettile esploso dal giovane carabiniere Mario Placanica. Dopo il G8, il poliziotto ha ricoperto la stessa carica a Roma, è stato responsabile del Gruppo operativo sicurezza nelle manifestazioni sportive e poi ha prestato servizio alla polizia ferroviaria in Campania. A inizio dicembre, la promozione a questore nel capoluogo di provincia marchigiano.

Il 17 luglio 2015, a Casale San Nicola, Lauro è stato protagonista di una scena simile a quella di piazza Alimonda. In un momento di pausa durante gli scontri romani tra poliziotti e militanti di Casapound, accusò: “Mi sono arrivati due pezzi di marmo in testa, se non ve ne andate vi arrestiamo tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, coperte e sciarpe ai senzatetto: “Il decreto Minniti? Applichiamolo ai delinquenti non ai poveracci”

next
Articolo Successivo

Ragusa, rubano 30mila euro dalla cassa continua di un supermercato. Padre e figlio in manette a Santo Stefano

next