È entrata in “zone di interesse nazionale” e per questo è stata ‘scortata’ dalla Marina militare del Regno Unito fino a quando non ha cessato la sua attività. Una nave da guerra russa, la Almirante Gorshkov, negli scorsi giorni ha navigato vicino alle acque territoriali britanniche del Mare del Nord e per questo la Royal Navy ha deciso di seguire la sua rotta, monitorare la situazione e accompagnare la navigazione fino a quando non ha abbandonato la zona.

A riferirlo è stato il capo maresciallo della Marina nell’est del Paese, Stuart Peache, responsabile del personale di Difesa, spiegando che la fregata Hms St. Albans è stato impegnata nell’operazione nel giorno di Natale dopo aver osservato “l’attività della nave russa in zone di interesse nazionale”. Secondo quanto spiegato dalla Royal Navy, nelle ultime settimane si è registrato un “aumento significativo di unità russe che transitano in acque del Regno Unito” e ha spiegato che la Russia – con la quale ci sono rapporti tesi dall’annessione della Crimea nel 2014 – rappresenta una “nuova minaccia” per i cavi internet sottomarini.

Si tratta del secondo allarme lanciato sul tema, dopo quello di inizio mese. Sempre Peache aveva sottolineato che la Gran Bretagna e la Nato devono dare priorità alla protezione delle linee di comunicazione, appoggiate sul fondo del mare, poiché la loro distruzione provocherebbe un impatto “immediato e potenzialmente catastrofico” sull’economia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mosca, autobus si schianta sulle scale della metropolitana: 5 morti

next
Articolo Successivo

Dove nascono i Bitcoin, il reportage del Fatto Quotidiano sulle farm bulgare di criptomonete

next