È entrata in “zone di interesse nazionale” e per questo è stata ‘scortata’ dalla Marina militare del Regno Unito fino a quando non ha cessato la sua attività. Una nave da guerra russa, la Almirante Gorshkov, negli scorsi giorni ha navigato vicino alle acque territoriali britanniche del Mare del Nord e per questo la Royal Navy ha deciso di seguire la sua rotta, monitorare la situazione e accompagnare la navigazione fino a quando non ha abbandonato la zona.

A riferirlo è stato il capo maresciallo della Marina nell’est del Paese, Stuart Peache, responsabile del personale di Difesa, spiegando che la fregata Hms St. Albans è stato impegnata nell’operazione nel giorno di Natale dopo aver osservato “l’attività della nave russa in zone di interesse nazionale”. Secondo quanto spiegato dalla Royal Navy, nelle ultime settimane si è registrato un “aumento significativo di unità russe che transitano in acque del Regno Unito” e ha spiegato che la Russia – con la quale ci sono rapporti tesi dall’annessione della Crimea nel 2014 – rappresenta una “nuova minaccia” per i cavi internet sottomarini.

Si tratta del secondo allarme lanciato sul tema, dopo quello di inizio mese. Sempre Peache aveva sottolineato che la Gran Bretagna e la Nato devono dare priorità alla protezione delle linee di comunicazione, appoggiate sul fondo del mare, poiché la loro distruzione provocherebbe un impatto “immediato e potenzialmente catastrofico” sull’economia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mosca, autobus si schianta sulle scale della metropolitana: 5 morti

prev
Articolo Successivo

Dove nascono i Bitcoin, il reportage del Fatto Quotidiano sulle farm bulgare di criptomonete

next