Nel corso della sua storia millenaria, l’Italia è stata, nel bene e nel male, un importante laboratorio politico e culturale. Da qualche tempo il nostro Paese, preda di governanti e politicanti mediocri, attenti esclusivamente al proprio “particulare”, si chiamino essi Renzi, Berlusconi o in altro modo, attraversa un periodo di indubbia decadenza, che si manifesta anche come deterioramento del tessuto democratico e rinascita di fascismi e razzismi, non limitati ai gruppuscoli neonazisti che pure stanno proliferando, ma ben insediati nei cervelli spesso vuoti o comunque deboli di vari esponenti delle istituzioni. Sul piano economico e sociale a ciò si aggiunge l’aggravamento delle disuguaglianze, la diffusione di comportamenti antisociali come l’evasione fiscale e l’abusivismo edilizio, le giovani generazioni allo sbando, vittima della disoccupazione e colpite anche dal taglio delle spese per istruzione e ricerca. Emblema di questa triste istituzione è una ministra della pubblica istruzione e ricerca come la Fedeli fautrice di progetti come l’alternanza scuola-lavoro che mirano ad assoggettare i giovani al lavoro precario e di scarsa qualità come naturale condizione di vita. E’ ora di dire basta a questo sfacelo.

Il sistema politico, sempre più autoreferenziale, non offre nessuna alternativa ma è parte integrante del degrado della vita nazionale, e ne costituisce anzi uno dei fattori determinanti. Quelle che un tempo furono le forze della sinistra più importante e radicata del mondo occidentale sono oramai quasi del tutto estinte. Renzi e il PD hanno da tempo smesso di essere una forza di sinistra da ogni punto di vista. I residui del Parlamento in cerca di riciclaggio raggruppati attorno a Grasso, che pure è una degna persona, evocano un’impressione di stantio e sembrano più che altro interessati alla loro riconferma e del resto fra di loro vi sono molti dei responsabili dell’attuale sfascio della sinistra, a cominciare da Massimo D’Alema, ma non solo lui.

L’alternativa promossa dai Cinquestelle, che pure otterranno un significativo successo che costituirà un importante indice dello stato di esasperazione dei cittadini italiani, si caratterizza per una sostanziale vacuità dei programmi e confusione delle proposte, vacuità e confusione ben simboleggiate dalla figura del candidato a premier. Sembra quindi fatale e inevitabile che alle prossime elezioni prevalga la destra peggiore, con la riproposizione delle gerarchie sociali tradizionali, dalle imprese alla mafia, e del maschilismo patriarcale e una sistematizzazione del discorso razzista che discrimina i migranti solo per poterli meglio sfruttare.

In questa situazione apparentemente disperata sta emergendo tuttavia una possibile alternativa, ancora giovane e gracile, ma che tuttavia sta crescendo impetuosamente e non si fermerà di certo alle prossime elezioni. La sua nascita e il suo sviluppo corrispondono a una legge elementare e fondamentale della politica e della storia: la liberazione del popolo può provenire solo dal popolo medesimo, non già da conventicole di politicanti che da tempo hanno perso, se mai lo hanno avuto, ogni rapporto con esso.

L’ambizione è semplice e cristallina “battersi per contrastare la barbarie che oggi ha mille volti: il lavoro che sfrutta e umilia, la povertà e l’ineguaglianza, i migranti lasciati annegare in mare, i disastri ambientali, i nuovi fascismi, la violenza sulle donne, la crescente repressione, i diritti negati”. Il programma, frutto di una scrittura collettiva e partecipata, è denso, chiaro e preciso e, a differenza di altri, non presenta omissioni o censure.

Esso si articola in 15 punti e si conclude con un capitolo davvero strategico dedicato a mutualismo, solidarietà e potere popolare laddove si afferma “per noi potere al popolo significa restituire alle classi popolari il controllo sulla produzione e sulla distribuzione della ricchezza; significa realizzare la democrazia nel suo senso vero e originario”. Una scommessa difficile ma l’unica possibile, anche per ridare all’Italia un futuro degno di essere vissuto e il ruolo di laboratorio politico e culturale che da tempo sembra aver perso per lo squallore insanabile della sua classe politica e imprenditoriale. Accettiamo la sfida!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni, dal Pd fragile nelle Regioni rosse al primato del M5s che non produce seggi: la fuga per la vittoria del centrodestra

next
Articolo Successivo

Ius soli, Stefano Esposito si autoassolve: “Ho fatto i conti, poi sono andato a prendere l’aereo per stare con i miei figli”

next