Agli investigatori aveva riferito che quattro ragazzi molto giovani, dopo avergli chiesto l’ora ed averlo invitato a seguirli, a fronte del suo rifiuto, lo avevano aggredito: due di loro lo avevano colpito con dei coltelli, mentre gli altri due erano rimasti a fare il ‘palo’. L’azione, durata alcuni secondi, era terminata con la fuga degli aggressori. Ma ora la polizia di Napoli ha fermato un 15enne ritenuto responsabile di tentativo di omicidio nell’ambito delle indagini sul ferimento di Arturo, 17enne accoltellato alla gola ed in altre parti del corpo lunedì scorso in Via Foria. La giovane vittima, alla quale probabilmente gli aggressori volevano rubare il cellulare, era stata ricoverata in gravi condizioni e solo da poco tempo risulta fuori pericolo.

Le indagini intanto proseguono per individuare altri tre componenti della baby gang. Decisive sono state le testimonianze del ragazzo ferito e di un altro giovane che era stato bloccato poco prima dal gruppo e le immagini di alcune telecamere. Gli agenti della Squadra Mobile di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in un istituto di pena minorile emessa dal gip del Tribunale per i Minorenni nei confronti del quindicenne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Violenze a Forteto, sentenza definitiva per il “Profeta” Fiesoli: va in carcere. Mai partita la commissione d’inchiesta

prev
Articolo Successivo

G8 di Genova, condannato per la Diaz ora è il numero due dell’Antimafia: “Come si fa a dire che l’Italia è cambiata?”

next