È molto divertente condurre The Match. L’idea di base era quella di omaggiare l’inarrivabile Match dell’inarrivabile Alberto Arbasino. Un programma fatto di nulla: un arbitro, Arbasino appunto, e due colossi pronti a sfidarsi. Rai, fine anni Settanta. Mario Monicelli contro un Nanni Moretti già insopportabile. Giorgio Bocca contro Indro Montanelli (puntata pazzesca). E via così. Altri tempi, però in The Match – con la “The” davanti per non copiare ciò che mai sarà ripetibile – ci abbiamo provato a fare una tivù diversa. Se volete “alta”, o anche solo intelligente e garbata. A volte è stato difficile essere arbitro, non ci sono granché abituato, ma si sta rivelando una palestra anche quella. Le puntate mi sono piaciute tutte, e dunque ve le consiglio tutte. Salvatore Settis contro Giulio Tremonti è strepitosa, e così Massimo Fini versus Giampiero Mughini. E poi Mario Adinolfi contro Marco Cappato, Tomaso Montanari contro Mario Lavia. Eccetera. Ogni puntata ha vette, accelerazioni e pure qualche derapata. C’è poi lo scazzo monumentale, continuo ed eccessivo, tra Vauro e Barbara Lezzi: due che, al tempo di Berlusconi, sembravano vicini. E forse lo erano pure. Ma adesso no. Proprio no. E non credo che sia un bene.
Mentre vi scrivo stiamo già facendo la seconda stagione: ci stiamo divertendo da morire. È una squadra splendida. Ed è un grande onore lavorare con loro.
Buona visione. E grazie di tutto, una volta di più.

The Match è un programma realizzato da Loft Produzioni. Le prime otto puntate sono disponibili in abbonamento sul sito e sull’applicazione di Loft.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Confessione stasera alle 21.15 su Nove. Wanna Marchi: “Ho pagato. Volete ancora dire che avete vinto voi?”

next
Articolo Successivo

Balle spaziali, oggi su Loft Marco Travaglio smonta le bugie della settimana: Boschi, Sala e Joe Biden

next