Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l’esistenza di un programma di indagine sull’esistenza degli Ufo. A dare la notizia sono Politico e il New York Times, secondo cui questo programma non era classificato: a lavorarvi era un numero strettamente limitato di funzionari. L’Advanced Aviation Threat Identification Program, ovvero il fascicolo sugli Ufo, secondo le fonti riportate dai due giornali, sarebbe stato aperto nel 2007 e interrotto nel 2012, quando il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi. Tuttavia, secondo alcune indiscrezioni il programma sarebbe ancora in vita. Non solo, negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma avrebbero continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Secondo quando riferisce Politico, si tratta di un programma dal costo di milioni di dollari, ideato dall’allora leader della maggioranza al Senato Harry Reid, per cercare delle risposte ai “fenomeni aerei non identificati” che numerosi piloti e militari riferivano di aver visto. L’obiettivo sarebbe stato quello di verificare le potenziali implicazioni che questi “fenomeni non identificati” avrebbero potuto avere sulla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.