“Il cammino è sempre lungo ma questo è certamente uno di quei giorni in cui si ha il cuore in gola”. È commossa, Emma Bonino, all’uscita del Senato dopo l’approvazione definitiva della legge sul biotestamento. “In tribuna eravamo con la mamma di Luca, la vedova di Welby. Carne e ossa, insomma”. 

”È un traguardo che si era prefissato Piergiorgio“, dice soddisfatta Mina, la vedova di Welby. “Nessuno vuole morire, diceva Piergiorgio. Ma bisogna che ci sia la speranza di esserci fino alla fine, con dignità”.  “Con questa legge non sarà più possibile quello che è successo a Giovanni Nuvoli” spiega Marco Cappato. “Fate presto, diceva Giovanni”, racconta Maddalena, la sua compagna. 

“Oggi mio figlio non c’è, ma dedico questa giornata a lui – dice Maria Cristina, la mamma di Luca Coscioni -. È lui il vincitore”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rohingya, la denuncia di Msf: “In un mese uccise 6700 persone. 730 sono bambini”. Il Papa: “Gesù ha il loro nome”

next
Articolo Successivo

Biotestamento, la Cei: “Valutazione non positiva, legge poco efficace per i malati”. Gli atei: “Vittoria per il Paese intero”

next