“Il ruolo di madri e di mogli c’è sempre stato nella mafia. Prima le donne stavano, per così dire, nel backstage. Oggi quando i mariti e i padri non sono più sulla scena intervengono loro. Scendono in campo prepotentemente“. Così il direttore della Dia Giuseppe Governale spiega l’operazione l’arresto della moglia e delle tre cognate del boss dei Casalesi Michele Zagaria: “Si tratta a volte di donne con un certo carisma capaci di creare amalgama nel clan”. Le donne del clan gestivano i pagamenti “mensili” per gli affiliati della cosca di camorra.

A Beatrice Zagaria, sorella di Michele, Francesca Linetti, moglie di Pasquale Zagaria, fratello di Michele e anch’egli detenuto; Tiziana Piccolo, moglie di Carmine Zagaria, anch’egli fratello di Michele, sottoposto alla sorveglianza speciale; Patrizia Martino, moglie di Antonio Zagaria, fratello di Michele, anch’egli detenuto, viene contestata la ricettazione aggravata. Le indagini, coordinate dalla Dda della Procura di Napoli, si basano, rileva una nota, su accertamenti patrimoniali, intercettazioni e dichiarazioni di collaboratori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Armando Izzo, la camorra e il suo agente: “Non vedere certa gente, ne va della tua carriera. Te ne vai a 1000 km da casa”

prev
Articolo Successivo

Camorra, blitz contro il clan Moccia: 45 fermi. Sequestrati i manoscritti con cui i detenuti comunicavano con l’esterno

next