Calci e spintoni tra una trentina di antagonisti del collettivo Milano Sud Antifascista e un gruppo militanti di Forza Nuova che aveva organizzato insieme all’associazione ‘Evita Peron‘ un banchetto per chiedere che le case popolari vengano assegnate solo agli italiani. Lo scontro è avvenuto all’angolo tra via Meda e via Spaventa, in zona Stadera a Milano. Tra i due gruppi ci sono stati uno scambio di insulti, calci e qualche spintone. Per evitare che la situazione degenerasse, tra i due gruppi si è subito frapposta la polizia e gli agenti hanno evitato ulteriori contatti anche presidiando la zona per tutto il pomeriggio. La situazione è poi tornata sotto controllo e la strada che è stata chiusa. Per il momento nessuno, sia tra gli antagonisti che tra i militanti di estrema destra, risulta ferito o è andato a farsi medicare in pronto soccorso.

Sulla loro pagina Facebook, i militanti di Forza Nuova denunciano un’aggressione da parte dei “soliti facinorosi antifascisti” che “aggrediscono un banchetto di raccolta firme per la petizione per gli alloggi popolari, forti della presenza delle forze dell’ordine”. Diversa, invece, la posizione degli antagonisti che – attraverso Milano Inmovimento – fanno sapere che “il presidio antifascista che si teneva in Via Meda è stato aggredito dai fascisti di forza nuova provenienti da via Palmieri”. Proprio per protestare contro al presenza della sede di Forza Nuova nel quartiere, insieme all’Anpi hanno organizzato per martedì pomeriggio un corteo che partirà alle 5 da piazza Abbiategrasso e sfilerà per le strade limitrofe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caserta, crollo nella Reggia: cade l’intonaco dal soffitto della sala delle dame

prev
Articolo Successivo

Cremona, la cittadina si indigna. Dirigenti comunali la denunciano per diffamazione

next