Non riesce a trattenere le lacrime l’ex direttore del Tg4, Emilio Fede, nel corso di una intervista rilasciata a Ecg Regione, su Radio Cusano Campus. La commozione è scatenata da una domanda sull’ex senatore di Forza Italia, Marcello Dell’Utri, che sta scontando nel carcere di Rebibbia una condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. Alcune ore fa il tribunale di Sorveglianza ha respinto la richiesta di sospensione della pena, per gravi motivi di salute, presentata dai difensori dell’ex braccio destro di Berlusconi. “La tragedia di quest’uomo è enorme” – si sfoga Emilio Fede – “Io lo conosco, sono stato accanto a lui per tanto tempo e da amico vero. Sta marcendo in carcere. Non voglio entrare nel merito di quello che succede, ma Marcello è una persona perbene, un gran signore, è una persona precipitata in questa voragine della giustizia e oggi è malato. Lo è veramente. Marcello Dell’Utri è malato”. E si abbandona ai ricordi: “A Natale andavo spesso a casa sua e festeggiavamo insieme. Ricordo il percorso della notte, il suo piccolo presepe e la notte di Natale che passavamo nella preghiera. Marcello, se posso dirti quello che sento in questo momento… Dobbiamo salvarlo. Assolutamente

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Romano (Pd) vs Scanzi: “Col suo libro sia più modesto”. “Lo farò promuovere da lei che ha fatto chiudere L’Unità”

prev
Articolo Successivo

Dem senza Pisapia e Alfano, Orlando: “Coalizione meno ampia e meno forte. Pd rifletta”

next