Il Giro d’Italia quest’anno partirà da Gerusalemme, capitale dello Stato d’Israele.

Questa scelta è stata fatta oggetto – da parte di alcuni – di una vibrante protesta. Prima per il fatto in sé, perché il Giro d’Italia non dovrebbe, ad avviso dei contestatori, partire da Israele e poi perché bisognerebbe posporre alla indicazione della città di partenza un punto cardinale: Gerusalemme Ovest. Israele si è irrigidita, ottenendo l’abolizione di quell’ “Ovest”, forse memore di tutti gli accordi di pace fatti abortire da Arafat prima e da Abu Mazen dopo; anche quelli che prevedevano l’attribuzione della parte Ovest di Gerusalemme ad Israele e della parte Est ai Palestinesi.

La partenza di un giro inter-etnico e inter-religioso, in verità, potrebbe raffreddare gli animi e creare un clima migliore, ma tutto questo postulerebbe che si abbandonasse la religione dell’odio. Infatti, con un bel trattato di pace, gli israeliani ed i palestinesi potrebbero avere una loro capitale in Gerusalemme, senza necessariamente usare l’etichetta dei punti cardinali. Basterebbe mettere insieme (ci sono e come) gli israeliani e i palestinesi che convivono anche ora non solo in pace, ma addirittura in amicizia.

Tuttavia, fino ad ora prevalgono quelli, non importa quale sia il loro credo e il loro passaporto, che amano odiare, senza accorgersi che è un ossimoro. Anche in Italia c’è gente che ritiene che la pace sia propria solo di qualcuno, che la predica solo in forma di odio. La verità è che chi fa diventare un’occasione di armonia come il Giro ciclistico in un ulteriore motivo per far scorrere la bile non predica la pace.

Sarebbe bello invece poter immaginare Israele e Cisgiordania-Gaza in pace. Come inno potrebbero pure avere “Imagine” di John Lennon; invece, hanno la rabbia di Roger Waters. Molto meglio Lennon.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone, l’imperatore Akihito abdicherà il 30 aprile in favore del figlio maggiore

next
Articolo Successivo

Usa, immigrato messicano assolto dall’accusa di omicidio. Trump: “Un verdetto scandaloso”

next