“L’uscita dal quantitative easing  e quindi dal mondo dei tassi bassi è già avviata negli Stati Uniti, non lo è ancora ma in prospettiva viene valutata in Europa ed è giusto che sia così, altrimenti le economie avanzate rischiano di addormentarsi, rischiano di essere drogate da un regime non solo di tassi bassi ma anche che si pensa non finirà mai e questo è uno sbaglio”. Ad affermarlo il ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, intervenendo al convegno dell’Ania sulla mobilità. “Noi dobbiamo, con la velocità necessaria, uscire da questa situazione per tornare ad una situazione di normalità che non deve spaventare, deve essere una situazione in cui ci sono aspetti positivi”, ha detto il ministro. “Se ci sono tassi più alti – ha concluso – i margini di profitto degli investimenti finanziari sono maggiori”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini contro Berlusconi: “Gallitelli candidato? Sia serio o niente alleanza, qui non stiamo facendo il Milan”

next
Articolo Successivo

Ex forconi, Pappalardo: “Berlusconi? Un emerito pagliaccio, vada a rifarsi la faccia e non usi generale Gallitelli”

next