Colpito alla gola da un uomo che si lamentava della politica migratoria. Il sindaco di un piccolo comune tedesco, Altena, cittadina del Nordreno-Westfalia, nota in Germania per aver accolto molti profughi in questi anni, è stato accoltellato ieri sera, mentre si trovava in un locale. Subito dopo essere stato colpito in prossimità della gola, Andreas Hollstein è stato soccorso da un’ambulanza e portato in ospedale.

Il primo cittadino è stato dimesso nella notte. L’aggressore, un uomo di 56 anni, è stato arrestato. “Gli organi di sicurezza ritengono che ci sia un movente politico”, ha affermato Armin Laschet, presidente del Land. Il presunto aggressore, stando a una testimonianza raccolta dalla Bild, che sembrava ubriaco, si sarebbe lamentato dei migranti. “Accanto a me avevo persone reattive e sono felice di essere vivo” ha detto Hollstein in una prima dichiarazione rilasciata al quotidiano locale Lokastimme.

“Sono inorridita per l’attacco contro il sindaco Andreas Hollstein e molto sollevata nel sapere che potrà ora tornare a stare con la sua famiglia”, ha dichiarato Angela Merkel secondo quanto riferito via Twitter dal suo portavoce, Steffen Seibert. “Grazie a quanti lo hanno aiutato”, ha aggiunto. L’assalitore è ora sotto inchiesta per tentato omicidio. L’agressione riporta alla mente quella subita da Henriette Reker, sindaco di Colonia, anche lei nota per le sue politiche liberali in materia di migranti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, 250 accademici firmano una lettera di supporto alla sua tutor: “L’articolo di Repubblica è fuorviante”

next
Articolo Successivo

Come ti rubo il Mercedes in 60 secondi. La tecnica utilizzata non lascia scampo, il furto ripreso dalle telecamere

next