Gran Bretagna. Curiosa iniziativa: Zaha Hadid Architects (oltre 80 designer) inventano ingegnose cucce per cani, cucce alternative e progettualmente raffinate. L’intento, qui, è nobile: a maggio 2018, gli ideatori metteranno all’asta, durante un galà di ricconi, le preziose casette canine. Il ricavato verrà utilizzato per aiutare 40.000 animali malati, feriti e senzatetto, attraverso Blue Cross for Pets, una sorta di Croce Rossa che fornisce assistenza ai clochard a quattrozampe.

Ben altre cucce, però, “currunt” come dicevano i latini, a simbolo degli attuali “mala tempora”: sono quelle che, insieme con altri inarrivabili accessori per animali, si trovano in rete (e in negozi specializzati) e vengono vendute a prezzi esorbitanti. Scrive uno dei tanti che le vende: «Non sono semplici oggetti, ma hanno l’anima di chi crede nella bellezza e nel gusto sinonimo di eccellenza. Uno stile caldo, raffinato e allo stesso tempo accattivante, estremamente unico nel suo genere sintesi di lusso, eleganza e modernità. Prodotto unico dalla doppia personalità: complemento d’arredo dal design ricercato e dimora confortevole a cinque stelle per i “cuccioli di casa».

I cani pentastellati (Beppe Grillo non c’entra, una volta tanto) possono scegliere fra vari modelli: si va dai 2.990 euro per avere una «struttura realizzata a mano in solido legno multistrato curvato a vapore con piedini di sostegno in olivo/noce con la possibilità di inserire (a richiesta) pietre e ornamenti incastonati a mano» ai 4.800 se il padrone non può fare a meno di una cuccia «nella prestigiosa lavorazione del ricercato capitonné». Fino ai 5.140 se il cane (si fa per dire) è un fanatico del «design sferico in acciaio grezzo, scaldato a fiamma e deformato in maniera irregolare con apertura battuta a mano con effetti smerigliatura». Allo stesso prezzo è acquistabile una cuccia sovrastata da una tensostruttura che neppure Santiago Calatrava avrebbe osato concepire «con sfera irregolare e led a basso voltaggio sulla sommità» per creare «un tenue, riposante e rassicurante effetto luminoso».

Nascono così le cucce in stile vittoriano; quelle che si riproducono il Taj Mahal; quelle, dette Cubics, che seguono, con buona pace di Henry van de Velde, le rigide regole della Bauhaus. O quelle i cui interni, strabordanti di arredi baroccheggianti, sembrano ideate da Lorenzo Mongiardino: fra queste va annoverata la casetta dei chihuahua di Paris Hilton costata 325.000 dollari.

Catarsi canina, il designer marchigiano Marco Morosini, direi provocatoriamente, si è incarnato «in un animal designer dando vita a sei cucce concepite come templi per Dei a quattro zampe. I cani domestici sono divinità allo stato brado, affezionate e sentimentali, che ora abitano una dimensione umana da noi creata. Il cane diventa un dio».

Bazzecole italiote, comunque, quanto a costi, rispetto al bungalow progettato dall’architetto britannico Andy Ramus per due alani di proprietà di un un noto chirurgo inglese. Costo, incredibile dictu, 300.000 euro: i due bestioni dormono in camere separate, una per cane, sono costantemente monitorati da telecamere, utilizzano un impianto audio da 20.000 euro e guardano la tv su uno schermo al plasma da 52 pollici (non è noto quali programmi gradiscano) e, per concludere la dura giornata, si godono un bel massaggio alla dog-spa.

Alice Williams è la responsabile di una delle maggiori aziende di cucce per cani-paperoni. Spiega: «Tutto nasce dal fatto che, se si possiede una villa lussuosa e molto ampia, anche il vostro amato cane deve poter  giovarsi di questo benessere, anche se altri possono magari giudicarlo eccessivo. Così abbiamo cominciato a disegnare e realizzare piccoli edifici in legno e altri materiali resistenti, per offrire uno spazio elegante e raffinato anche alle mascotte delle famiglie con alto potere economico. Ma essere ricchi non è una colpa…». Non è una colpa, però, neppure essere un cane che, passivamente, viene fatto oggetto delle ambizioni del padrone. Anche se rimpiango i tempi in cui i cani erano lupi.

Mi viene in mente una scena di quel meraviglioso film di Federico Fellini, “Amarcord”, laddove un poveraccio, lottando con la grammatica, si disperava: «Mio nonno fava i matoni, mio padre fava i matoni, io faccio i matoni pure me, ma la mia casa ‘ndov ‘è?».

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A lezione di disperazione da Gabriele, un santo dell’insensatezza

next
Articolo Successivo

Qualità della vita, secondo ItaliaOggi Bolzano miglior provincia, Roma sale di 21 posizioni

next