Stop alle misure interdittive per Cateno De Luca. Lo ha deciso il tribunale del Riesame accogliendo le richieste del consigliere regionale eletto dall’Udc alle elezioni dello scorso 5 novembre, arrestato due giorni dopo e scarcerato dal gip il 20 novembre. Stessa decisione nei riguardi dell’ex presidente della Fenapi, Carmelo Satta. L’interdizione consisteva nel divieto di ricoprire ruoli apicali negli enti coinvolti nell’inchiesta per evasione fiscale. Disposta anche la restituzione dei beni immobili della Fenapi ancora sequestrati.

Per il giudice che l’ha scarcerato sussistono i gravi indizi di colpevolezza di De Luca, ma si sarebbero affievolite le esigenze cautelari. La settimana scorsa, dopo le continue esternazioni sui social del deputato il gip aveva disposto il divieto di comunicazione con l’esterno. Revocati i domiciliari, il deputato potrà insediarsi alla prima seduta dell’Assemblea siciliana, non appena verrà convocata dal presidente della Regione, Nello Musumeci.

Il consigliere dell’Udc dopo la scarcerazione ha postato un video sul suo profilo Facebook dove afferma: “Sono un uomo libero. State tranquilli. Il gip ha revocato l’arresto, il sequestro, ha sconfessato tutte le porcherie che noi abbiamo subito in questi giorni”. “Ho bisogno di due tre giorni per completare le denunce che stiamo presentando perché – afferma – stiamo depositando tutto, per falso in atti giudiziari, per infedele patrocinio, per calunnia. Ce n’è per tutti. Ho bisogno di stare concentrato con i miei avvocati per un paio di giorni, poi faremo una bella conferenza stampa e ricominciamo la nostra attività politica. Abbiamo un conto aperto – sottolinea – con alcuni personaggi nel tribunale di Messina e noi non stiamo assolutamente col capo chino: denunciamo qualunque tipo di mafia, anche quella giudiziaria. Andrò avanti con forza. Vi ringrazio siete stati grandiosi, non mi è mancato il vostro calore”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lamezia Terme, comune sciolto per la terza volta. Cittadini: “Non ce lo meritiamo, non mafia ma atto politico”

next
Articolo Successivo

Beni confiscati alla mafia, rinvio a giudizio per Saguto e altri 15 imputati

next