L’olio d’oliva è tutto uguale? Certo che no! Elemento base della dieta Mediterranea, questo ingrediente deve essere scelto con molta cura. Quindi aspettate un attimo prima di cedere alla tentazione di mettere nel carrello quello più economico o quello in offerta. Valutate bene, bastano due minuti. Il tempo di leggere sulla bottiglia se c’è la scritta “extravergine” e “spremuto a freddo attraverso procedimenti meccanici”.

Queste due caratteristiche, infatti, sono determinanti per stabilire la qualità del prodotto.

In particolare, la prima dicitura esclude (o quantomeno riduce ai minimi termini) il rischio di acquistare un prodotto “tagliato” con altri oli vegetali, in genere provenienti da altri paesi della zona mediterranea, come la Turchia, la Grecia o l’Albania. Ciò viene fatto in genere per abbassare il prezzo, infatti un olio di alta qualità non costa poco, ma è davvero un piccolo investimento a favore della propria salute.

La sua ricchezza in acidi grassi monoinsaturi e antiossidanti come i polifenoli, conferiscono a questo alimento un potente effetto benefico e antitumorale. I polifenoli, infatti, sono ottimi antiinfiammatori e risultano utili per contrastare le malattie autoimmuni, in particolare nell’artrite reumatoide.

Rispetto agli altri oli vegetali (di semi, di mais, di arachidi, di riso…), quello ricavato dalle olive è l’unico a contenere acido oleico, una componente che aiuta a prevenire il cancro al colon e alla mammella. Ma c’è di più. Questo ingrediente ha anche effetti positivi contro le malattie cardiovascolari, grazie soprattutto alla sua capacità di ridurre il colesterolo “cattivo” LDL e aumentare invece i livelli di quello buono (HDL).

Un altro vantaggio di quest’olio è dato dal punto di fumo, che è alto rispetto agli altri oli (210° C). Questo lo rende ideale per friggere o cuocere. Certo, un po’ oneroso, ma a favore della nostra salute!

Infine va detto che l’olio con il tempo perde i suoi nutrienti, per cui è meglio evitare di acquistare dosi eccessive che poi rimangono nella dispensa per lungo tempo. Anche mentre fate la spesa, preferite sempre un olio nuovo, possibilmente in bottiglie di vetro scure, da tenere sempre lontano dalla luce e dal calore. Il classico ripiano della cucina, vicino ai fornelli, non è il posto ideale su cui appoggiarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Cracco, perché chi parla di “chef delle patatine” dovrebbe tacere (e magari informarsi)

next