Si chiama “+Europa“, e vuole essere una “proposta elettorale autonoma” per rilanciare il progetto degli Stati uniti d’Europa e dell’integrazione europea. La lista nasce da Radicali italiani e da Forza Europa l’aggregazione lanciata da Benedetto Della Vedova. “+Europa”, con il suo simbolo elettorale, è stata presentata in una conferenza stampa da Emma Bonino, Benedetto Della Vedova e dal segretario di Radicali italiani Riccardo Magi: secondo quest’ultimo, “le prossime elezioni politiche ed europee saranno per la prima volta il confronto tra chi vuole tornare a chiudersi nei confini nazionali e chi invece crede nel progetto europeo“. Uno scontro, sottolinea della Vedova “tra apertura e chiusura, che chi è pro e chi è contro la Ue che è per noi l’unico futuro migliore: la Ue è l’unico spazio dove dobbiamo stare”. Insomma, puntualizza Emma Bonino, “vogliamo mettere sul tavolo la scelta europea. Più Europa vuol dire più pace, più sicurezza, più diritti, più crescita, più cultura e più libertà”. E proprio Bonino, secondo cui il dialogo con il Pd “si è fermato” all’ultimo incontro con Matteo Renzi, lancia un appello rispetto alle liste da raccogliere per la presentazione delle liste. “Si tratta di un numero enorme, e visto che non sappiamo ancora né quando si vota né come sono fatti i collegi, il tempo a disposizione sarà brevissimo, anche perché andranno raccolte in inverno, praticamente sotto le feste. Insomma, il sistema è altamente preclusivo” per le nuove formazioni, come ‘+Europa’. Quanto alle alleanze possibili in vista del voto, non se ne parla. Bonino ribadisce che non c’è “nessun ragionamento” con Pisapia; e in ogni caso “nulla è deciso: tutti i pallini sono in movimento visto che praticamente non si conoscono ancora le regole del gioco, e tutto è in fieri”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, Salvini: “Berlusconi? Voto a marzo, no a rinvii”. “Bossi? In lista solo chi sposa il progetto”

prev
Articolo Successivo

Grillo assediato dai movimenti per la casa, che minacciano lo spettacolo a Roma: “Soluzione Raggi? I container Ikea!”

next