Si chiama “+Europa“, e vuole essere una “proposta elettorale autonoma” per rilanciare il progetto degli Stati uniti d’Europa e dell’integrazione europea. La lista nasce da Radicali italiani e da Forza Europa l’aggregazione lanciata da Benedetto Della Vedova. “+Europa”, con il suo simbolo elettorale, è stata presentata in una conferenza stampa da Emma Bonino, Benedetto Della Vedova e dal segretario di Radicali italiani Riccardo Magi: secondo quest’ultimo, “le prossime elezioni politiche ed europee saranno per la prima volta il confronto tra chi vuole tornare a chiudersi nei confini nazionali e chi invece crede nel progetto europeo“. Uno scontro, sottolinea della Vedova “tra apertura e chiusura, che chi è pro e chi è contro la Ue che è per noi l’unico futuro migliore: la Ue è l’unico spazio dove dobbiamo stare”. Insomma, puntualizza Emma Bonino, “vogliamo mettere sul tavolo la scelta europea. Più Europa vuol dire più pace, più sicurezza, più diritti, più crescita, più cultura e più libertà”. E proprio Bonino, secondo cui il dialogo con il Pd “si è fermato” all’ultimo incontro con Matteo Renzi, lancia un appello rispetto alle liste da raccogliere per la presentazione delle liste. “Si tratta di un numero enorme, e visto che non sappiamo ancora né quando si vota né come sono fatti i collegi, il tempo a disposizione sarà brevissimo, anche perché andranno raccolte in inverno, praticamente sotto le feste. Insomma, il sistema è altamente preclusivo” per le nuove formazioni, come ‘+Europa’. Quanto alle alleanze possibili in vista del voto, non se ne parla. Bonino ribadisce che non c’è “nessun ragionamento” con Pisapia; e in ogni caso “nulla è deciso: tutti i pallini sono in movimento visto che praticamente non si conoscono ancora le regole del gioco, e tutto è in fieri”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Salvini: “Berlusconi? Voto a marzo, no a rinvii”. “Bossi? In lista solo chi sposa il progetto”

next
Articolo Successivo

Grillo assediato dai movimenti per la casa, che minacciano lo spettacolo a Roma: “Soluzione Raggi? I container Ikea!”

next