“Fratelli d’Italia ha parlato di voto inquinato dai clan a Ostia? La querela è stata già presentata. La destra forse dovrebbe imparare a perdere”. Sono le parole della sindaca di Roma, Virginia Raggi, ospite di Dimartedì (La7). “Quello che abbiamo fatto è stato prendere subito le distanze da chi ha provato a dire che votava M5S” – continua – “Ciascuno vota come vuole, ma poi bisogna prendere le distanze. Noi da tanto tempo denunciamo la presenza non solo degli Spada, ma dei Fasciani, dei Triassi, dei Cuntrera e di altre famiglie che Ostia negli ultimi anni purtroppo hanno spadroneggiato”. La sindaca si rende protagonista di un vivace botta e risposta con il conduttore, Giovanni Floris, circa le sue vicende giudiziarie. E sottolinea: “Credo di aver agito sempre con il massimo della correttezza e della buona fede. Spero di riuscire a dimostrarlo quanto prima anche ai giudici e continuiamo ad andare avanti. Penso che un amministratore debba sempre agire con buona fede e con onestà intellettuale”. Poi aggiunge: “Che differenza c’è tra questa mia dichiarazione e quella di altri sindaci indagati del passato? Che domanda bizzarra mi fa, Floris. Noi abbiamo un codice etico. Se tutti i partiti adottassero il nostro codice etico, peraltro elogiato anche da alcuni magistrati, probabilmente si farebbero scelte diverso. Se mi condannassero in primo grado? L’ho sempre detto, mi atterrò a quanto scritto dal codice etico. Sta per partire la cordicella…A ogni trasmissione mi chiedete sempre la stessa cosa. Proviamo a parlare di Roma? Le do una notizia: stanno per arrivare 15 nuovi autobus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Scalfari: “Tra Berlusconi e Di Maio scelgo il primo. Renzi? E’ il mio ‘nipotino'”

next
Articolo Successivo

Gene Gnocchi lancia l’iniziativa Save the Lario: “Datele un euro o toglietene 10 a Berlusconi”

next