“Io credo che il governo italiano e la politica italiana abbiano fatto un errore enorme, che quello che è successo sia un atto di guerra contro i migranti e non si può tacere che nella speranza che si faccia un passo indietro, nell’attesa che succeda, c’è gente che muore per questa politica”. A dirlo il fondatore di Emergency Gino Strada, che in un’intervista a ilfattoquotidiano.it aveva definito l’accordo come un “atto di guerra” contro i Migranti. Oggi commentando l’inchiesta di Report che mostra contatti tra una Ong e degli scafisti, Strada dice: “Noi abbiamo fatto soccorso in mare per qualche mese e non abbiamo mai avuto contatti con scafisti, ma il problema non sono loro, ma quelle bande criminali che fanno traffico umano e che nella politica non trovano uno stop, ma alleati temporanei perché a questa politica interessa solo che non vengano qui”. E conclude: “Non credo che si possa fare un passo avanti finché la politica è questa qua e spiragli non ne vedo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, Merkel a rischio per colpa del ricongiungimento familiare: i migranti spaventano i partiti tedeschi

next
Articolo Successivo

Il Regno Unito nega che gli animali provino dolore. Così si faceva con gli schiavi

next