“Sparlava di me, diceva al mio ragazzo che sono una poco di buono e allora io non c’ho più visto”. Queste le parole di una ragazzina di 14 anni che a Ivrea (Torino) ha accoltellato una quindicenne alla fermata dell’autobus. A scatenare la reazione della studentessa quattordicenne una presunta rivalità per un fidanzato conteso.

La ragazza ferita è stata colpita a una gamba e al braccio. Portata in ospedale dopo l’aggressione, se l’è cavata con qualche giorno di prognosi. La quattordicenne è stata denunciata al Tribunale dei minori per lesioni gravi e porto abusivo di armi da taglio.

Come racconta La Stampa, l’aggressione è avvenuta alla fermata dell’autobus che le due studentesse utilizzano ogni giorno per andare a scuola. La ragazza di 14 anni si è presentata con un coltello a serramanico con una lama lunga 20 centimetri e ha colpito la sua rivale due volte. “Un’arma che poteva uccidere”, riferiscono adesso le forze dell’ordine. Dopo l’aggressione, la giovane è scappata. Gli agenti di polizia l’hanno fermata poco distante, con il coltello ancora nascosto nel reggiseno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Totò Riina, tumulata la salma al cimitero di Corleone. Presenti la moglie e tre figli

next
Articolo Successivo

Aborto, parroco che paragonò Riina e Bonino continuerà a insegnare. “Non è stato sospeso, decide consiglio di facoltà”

next