“Sparlava di me, diceva al mio ragazzo che sono una poco di buono e allora io non c’ho più visto”. Queste le parole di una ragazzina di 14 anni che a Ivrea (Torino) ha accoltellato una quindicenne alla fermata dell’autobus. A scatenare la reazione della studentessa quattordicenne una presunta rivalità per un fidanzato conteso.

La ragazza ferita è stata colpita a una gamba e al braccio. Portata in ospedale dopo l’aggressione, se l’è cavata con qualche giorno di prognosi. La quattordicenne è stata denunciata al Tribunale dei minori per lesioni gravi e porto abusivo di armi da taglio.

Come racconta La Stampa, l’aggressione è avvenuta alla fermata dell’autobus che le due studentesse utilizzano ogni giorno per andare a scuola. La ragazza di 14 anni si è presentata con un coltello a serramanico con una lama lunga 20 centimetri e ha colpito la sua rivale due volte. “Un’arma che poteva uccidere”, riferiscono adesso le forze dell’ordine. Dopo l’aggressione, la giovane è scappata. Gli agenti di polizia l’hanno fermata poco distante, con il coltello ancora nascosto nel reggiseno.