Seconda sconfitta in campionato per la Juventus che, come in occasione della prima con la Lazio, va ko dopo la pausa per le Nazionali. I campioni d’Italia in carica sono sconfitti per 3-2 a ‘Marassi’ da una Sampdoria che si conferma la più bella sorpresa di questo campionato. Tutte nella ripresa le reti del match: prima il tris doriano con Zapata, Torreira e Ferrari; poi nel recupero si sveglia la Juve ma le reti di Higuain su rigore e Dybala servono solo a rendere meno netto il passivo.

I blucerchiati conquistano così la sesta vittoria casalinga su sei partite e salgono a quota 26 in classifica, con una partita da recuperare, consolidando la sesta posizione. I bianconeri restano invece fermi a 31 al secondo posto ma vedono allungare il Napoli a +4. Partenza veloce della Juventus che si rende pericolosa, dopo due minuti, con un destro rasoterra di Higuain sul quale è bravo Viviano a distendersi e a deviare in angolo. Poco dopo è Mandzukic che ci accentra dalla sinistra a va al tiro ma il portiere blucerchiato è ancora attento.

Con il passare dei minuti cala la pressione bianconera e crescono i padroni di casa: ci prova Quagliarella al volo ma non inquadra la porta. Poco dopo la mezz’ora Cuadrado spreca l’occasione più ghiotta della prima frazione calciando sul fondo solo davanti a Viviano e sprecando una bella apertura di Higuain. Prima dell’intervallo si fa vedere Khedira con un destro di controbalzo dal limite dell’area che termina alto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Federcalcio, il regno di Tavecchio verso la fine: o si dimette o lo sfiduciano. Ma c’è anche l’ipotesi commissariamento

prev
Articolo Successivo

Che tempo che fa, Malagò: “Mi auguro e penso che Tavecchio si dimetterà in consiglio federale”

next