Berlusconi? È stato sdoganato perché Renzi, dopo aver vinto le primarie del Pd col programma di Grillo, per governare ha preso il programma del Cavaliere, nell’illusione di sfondare a destra. In realtà, il centrodestra non voterà mai Renzi”. Lo afferma a Dimartedì (La7) il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, che spiega: “Adesso il rapporto di forza è completamente cambiato, però chi paga? Chi ha le televisioni? Chi può federare? E’ sempre Berlusconi, anche se è un Berlusconi più che dimezzato, essendo al 14% nei sondaggi. Ma è stato molto attento a tenere vivi i suoi potenziali alleati. Non ha mai tentato di vampirizzarli o assassinarli. Renzi invece ha sterminato tutto ciò che c’era intorno al Pd. Prima almeno c’era un’idea di coalizione, adesso Renzi con chi fa la coalizione? Coi generali senza esercito come Pisapia“. Alla domanda del conduttore, Giovanni Floris, che gli chiede cosa deve fare il segretario del Pd nel caso in cui si sia accorto degli errori fatti, Travaglio risponde: “Secondo me, Renzi non ha affatto capito gli errori che ha commesso. Continua a ripetere la solita litania, sperando che funzioni l’idea del voto utile. Dice: ‘Siamo tutti uniti, altrimenti vincono i cattivi’. L’altro giorno Renzi ha parlato di ‘barbari’. Ma non ci crede nessuno che siano barbari i 5 Stelle, né tantomeno i berlusconiani e i leghisti, perché coi berlusconiani Renzi ci ha fatto colazione, pranzo, cena e anche merenda“. Il direttore dell’Espresso, Marco Damilano, osserva: “Sicuramente l’antiberlusconismo è un’arma spuntata, proprio perché in questa legislatura sono arrivati dei giovani leader trentenni e quarantenni che non hanno mai pensato di cambiare il berlusconismo, ma volevano solo ereditarlo. Non sono mai andati oltre il berlusconismo dal punto d vista culturale. Renzi e Salvini hanno addirittura esordito nelle televisioni di Berlusconi“. E continua: “Di Maio con le sue incerte nozioni di storia e di geografia è un figlio del berlusconismo. E’ un ragazzo classe 1986 che ha conosciuto in questa fase solo Berlusconi e quindi giustamente, dal suo punto di vista, se non ha studiato, non sa chi è Pinochet e dove si trova il Cile. La carta che ha Renzi? Fare il segretario del Pd e lasciare il posto da candidato premier a qualcun altro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

M5s, Di Battista: “Nostro nemico è l’indifferenza, non Salvini o Berlusconi o Pd. Sicilia? Nessuna autocritica”

next
Articolo Successivo

Consip, confronto tra Orfini (Pd) e Travaglio: “Pezzi dello Stato cercarono di far fuori Renzi”. “No, il cuore della questione è un altro”

next