Martedì 14 novembre alla Camera arriverà la legge sui whistleblower, (già approvata una prima volta a Montecitorio e successivamente modificata al Senato), una norma che tutela chi si espone personalmente per denunciare un caso di corruzione del quale viene a conoscenza sul luogo di lavoro. “La nostra è una campagna che è nata nel 2009 – spiega  Davide Del Monte, direttore esecutivo di Transparency International Italia a margine di un convegno a Milano – Adesso vediamo finalmente la luce ma la vediamo soprattutto grazie all’onorevole Brusinarolo del Movimento 5 stelle che è la prima firmataria”. Una legge che però verrà approvata con l’appoggio del Pd. “Evidentemente ci serve una maggioranza alla Camera – continua Del Monte – e parrebbe che questa maggioranza Pd-M5s possa realizzarsi, forse per la prima volta in questa legislatura, proprio in favore di questo provvedimento”. E se qualcosa dovesse andare storto? “Le votazioni sono pubbliche e se questa legge non passa, Transparency International Italia farà in modo che si sappia chi ha deciso di non farla passare”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mala’ndrine, anche i Re Magi sono della ‘ndrangheta: la mafia a teatro tra ironia, sarcasmo e denuncia

prev
Articolo Successivo

Isis, 22enne egiziana espulsa a Milano: disponibile a compiere attentato in Italia

next