Classe 1936, 82 anni li compirà fra tre mesi. Giuseppe Ruggeri è un macellaio e fa questo mestiere da 66 anni. A fine estate ha deciso di andare in pensione e ha chiuso la bottega, nel centro di Cremona, la sua seconda casa per un’intera vita. Ma la pensione non faceva per lui: “A casa non sapevo come passare il tempo – racconta Ruggeri a ilfattoquotidiano -. Non era la mia vita, mi stancavo a far niente. Guardavo la sveglia e le ore non passavano mai. Ho detto a mia moglie: Giancarla, mi sembra di essere in prigione”. Così, un mese dopo, è tornato nella sua macelleria, ha tolto il cartello di cessata attività, l’ha riaperta e si è rimesso al lavoro. Si discute molto di innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni, lei è ancora qui, dietro ad un bancone, a 80 anni suonati. “Pensavo fosse bella la pensione, invece mi annoia – risponde mentre incarta un hamburger -. Preferisco stare tra clienti e rappresentanti. La mia gente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Vado un attimo in bagno”, ecco il vero significato di questa frase. Lo spiega, a modo suo, Casa Surace

next
Articolo Successivo

Lego a Firenze, non chiamateli mattoncini. In mostra 150 chili di costruzioni, installazioni e mondi in miniatura

next