Classe 1936, 82 anni li compirà fra tre mesi. Giuseppe Ruggeri è un macellaio e fa questo mestiere da 66 anni. A fine estate ha deciso di andare in pensione e ha chiuso la bottega, nel centro di Cremona, la sua seconda casa per un’intera vita. Ma la pensione non faceva per lui: “A casa non sapevo come passare il tempo – racconta Ruggeri a ilfattoquotidiano -. Non era la mia vita, mi stancavo a far niente. Guardavo la sveglia e le ore non passavano mai. Ho detto a mia moglie: Giancarla, mi sembra di essere in prigione”. Così, un mese dopo, è tornato nella sua macelleria, ha tolto il cartello di cessata attività, l’ha riaperta e si è rimesso al lavoro. Si discute molto di innalzamento dell’età pensionabile a 67 anni, lei è ancora qui, dietro ad un bancone, a 80 anni suonati. “Pensavo fosse bella la pensione, invece mi annoia – risponde mentre incarta un hamburger -. Preferisco stare tra clienti e rappresentanti. La mia gente”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Vado un attimo in bagno”, ecco il vero significato di questa frase. Lo spiega, a modo suo, Casa Surace

next
Articolo Successivo

Lego a Firenze, non chiamateli mattoncini. In mostra 150 chili di costruzioni, installazioni e mondi in miniatura

next