Maxi squalifica per Patrice Evra, il difensore francese ex Juventus che lo scorso 2 novembre ha colpito un tifoso della propria squadra nel prepartita dell’incontro di Europa League tra l’Olympique Marsiglia e i portoghesi del Vitoria Guimaraes. La Uefa ha annunciato che il terzino francese è stato squalificato fino al 30 giugno del 2018 da tutte le competizioni europee. Poco dopo il comunicato della Federcalcio europea, la squadra francese ha fatto sapere di aver risolto il contratto con il difensore “di comune accordo”.

Il giocatore, rientrato in Francia nel gennaio di quest’anno dopo i due anni e mezzo in Italia, è stato il primo nella storia dell’Europa League ad essere espulso durante il riscaldamento. Nel prepartita, Evra è stato ripetutamente insultato dai suoi tifosi. I supporter francesi hanno scavalcato le recinzioni e sono arrivati a bordo campo a contatto con i giocatori. A quel punto, Evra ha colpito con un calcio un tifoso. Quando gli animi si sono calmati, l’arbitro ha espulso il giocatore che poi ha provato a seguire la gara dalla panchina. Ma anche in quel caso, il direttore di gara non ha potuto fare altro che allontanarlo in tribuna.

Il calcio di Evra ha ricordato un gesto molto simile di un altro giocatore francese, Eric Cantona. Nel 1995, l’ex attaccante del Manchester United aveva attaccato un tifoso del Crystal Palace che lo stava insultando. In quel caso, Cantona venne squalificato per nove mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Svezia-Italia 1-0: un’autorete di De Rossi punisce (meritatamente) una squadra senza idee né anima. Russia 2018? Lontana

next
Articolo Successivo

Scandalo molestie, Sepp Blatter accusato dall’icona Hope Solo: “Mi importunò prima della cerimonia del Pallone d’oro”

next