“I cinque stelle sono pauperisti e giustizialisti, senza nessuna preparazione amministrativa, d’altronde in tutte le città dove sono al governo è un disastro, Roma in testa”. Il Cavaliere torna a Catania dopo 8 anni, in occasione della candidatura a governatore di Nello Musumeci, concentrando gran parte del suo discorso sul movimento di Grillo, senza mai sfiorare il Pd di Renzi o la minoranza della sinistra. Ad attenderlo una folla di sostenitori che riempie ogni angolo della sala, e molti big del forzismo siciliano a partire dagli ex ministri Stefania Prestigiacomo e Gianfranco Micciché, ma anche Gaetano Armao designato vicepresidente e assessore al Bilancio in caso di vittoria del governo Musumeci, insieme a Vittorio Sgarbi scelto per la delega alla Cultura. L’ex Premier si sente già in campagna elettorale per le nazionali, proponendo per la Sicilia un “piano Marshall” con massicci investimenti in infrastrutture, compreso l’ormai trasversale ponte sullo Stretto, oltre al rafforzamento dei porti e al Casinò a Taormina. Ma non mancano anche progetti turistici che coinvolgono Baleari e Malta. Nel corso del lungo discorso, l’attenzione è sempre rivolta ai grillini, con la stoccata a Luigi Di Maio che “si è presentato nella sua cittadina per essere eletto consigliere ed ha preso cinquantanove voti”, mentre “con 159 telefonate è diventato presidente della Camera”. Per i tanti sostenitori del Cavaliere presenti in sala, non è un problema se le liste sono piene di ‘impresentabili’, perché “anche gli altri partiti ne sono pieni”. Se invece si fa riferimento all’indagine di Firenze sulle stragi di mafia che vede coinvolti Berlusconi e l’ex fondatore di Forza Italia Marcello Dell’Utri, la risposta è unanime: “Lo attaccano solo quando ci sono le elezioni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sicilia, Fassino si batte “per vincere”. Al Fatto: “Profezie? Non dite sciocchezze, già Grillo…”. Ma c’è il lapsus

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, il Pd torna al Ponte sullo Stretto: “Priorità”. Fassino: “Contrario ai tempi di B.? Questa è coerenza astratta”

next