Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato e promulgato la nuova legge elettorale. Il provvedimento entrerà in vigore subito dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il Senato aveva dato il via libera il 26 ottobre. Per far approvare la riforma elettorale la maggioranza ha coinvolto il governo sia alla Camera che al Senato: l’esecutivo ha infatti posto la fiducia in entrambi i rami del Parlamento. A Palazzo Madama, peraltro, il testo non è stato modificato di una virgola rispetto a quello uscito da Montecitorio. E’ per questo motivo, tra l’altro, che il presidente del Senato Piero Grasso ha rassegnato le dimissioni dal gruppo parlamentare del Partito democratico.

Proprio nel giorno dell’approvazione Mattarella aveva incontrato alcuni studenti a Palazzo del Quirinale. In quel contesto rispose alla domanda sulle firme della legge: quando mi arriva una legge del Parlamento o un decreto legge, ha detto tra l’altro, “io, anche se non lo condivido appieno, ho il dovere di firmarlo, anche se la penso diversamente”. C’è solo “un caso caso in cui posso – anzi devo – non firmare: quando arrivano leggi o atti amministrativi che contrastano palesemente, in maniera chiara, con la Costituzione. Ma in tutti gli altri casi non contano le mie idee, perché non è a me che la Costituzione affida il compito di fare le regole con le leggi o di guidare la macchina dello Stato, ma li affida ad altri: al Parlamento e al Governo. E io ho l’obbligo di firmare, perché guai se ognuno pensasse che le proprie idee personali prevalgono sulle regole dettate dalla Costituzione. La Repubblica non funzionerebbe più”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Ostia, nel X municipio sciolto per mafia non si parla di mafia: ‘Ma il litorale è dei clan, come la Sicilia degli anni ’80’

prev
Articolo Successivo

Corruzione, 100 giorni dopo il patto per la trasparenza con “Riparte il futuro” solo un sindaco su 13 l’ha rispettato

next