L’editore di Libero e deputato di Forza Italia Antonio Angelucci è stato condannato a un anno e quattro mesi di reclusione per falso e tentata truffa. L’accusa di truffa è invece caduta in prescrizione. Il giudice del tribunale di Roma ha stabilito che i quotidiani Libero e il Riformista hanno ricevuto contributi pubblici indebitamente nel 2006 e 2007, finanziamenti che erano stati in parte bloccati dopo l’apertura delle indagini.

Lo scorso luglio il pubblico ministero Francesco Dall’Olio aveva chiesto una condanna a 4 anni per l’onorevole, che dovrà anche risarcire con 100mila euro la presidenza del Consiglio. A processo erano finiti anche i rappresentati legali delle due società, Editoriale Libero ed Edizioni Riformiste, Arnaldo Rossi e Roberto Crespi: il giudice di primo grado li ha condannati a un anno di reclusione. Per tutti la pena è sospesa.

Secondo l’accusa, Angelucci – che si dichiara innocente e fiducioso riguardo alla possibilità di ribaltare la sentenza in appello – aveva provato ad aggirare la normativa che regola il finanziamento ai quotidiani e aveva richiesto contributi per entrambi i suoi giornali. Ma la legge vieta di richiedere finanziamenti per più di una testata allo stesso editore. Per superare il divieto, le due società avevano sostenuto di appartenere a due editori differenti.

Per questa vicenda era già intervenuta la Guardia di finanza nel 2013, quando eseguì un sequestro preventivo di 20 milioni di euro – poi revocato – nei confronti delle due società. Nei mesi scorsi, invece, Angelucci è stato indagato per traffico d’influenze dalla procura di Roma. Stando alle indagini, l’editore avrebbe cercato qualcuno che intervenisse per avere una sentenza più morbida in Cassazione dopo un sequestro preventivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, Gabanelli si dimette: “In campagna elettorale dovevo stare defilata. Orfeo e Maggioni mi hanno indicato l’uscita”

prev
Articolo Successivo

Fq Millennium, da sabato 4 novembre in edicola il nuovo numero: “Verremo licenziati da un robot?”

next