L’ex sindaco di Seregno (Monza), Edoardo Mazza, è tornato libero, per decisione del gip del Tribunale di Monza Pierangela Renda.
Ai domiciliari con l’accusa di corruzione a seguito dell’indagine su presunte infiltrazioni della ‘ndrangheta nel mondo della politica e dell’imprenditoria in Brianza, assistito dal suo avvocato Antonino De Benedetti, dopo la scarcerazione dell’imprenditore di Seregno Antonino Lugarà dello scorso 20 ottobre, su decisione del Tribunale del Riesame di Milano, Mazza aveva presentato istanza di revoca dei domiciliari.

“Siamo parzialmente soddisfatti della decisione del gip – ha dichiarato l’avvocato De Benedetti – perché ha accolto la nostra istanza, non ritenendo più sussistenti le esigenze cautelari ma dal nostro punto di vista non ha valenza l’intero impianto accusatorio, ma avremo modo di discuterne in seguito”. Il Tribunale di Monza ha revocato la misura dei domiciliari anche per l’ex consigliere comunale Stefano Gatti, anche lui indagato nella stessa inchiesta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reggio Calabria, al via processo sulla ‘ndrangheta stragista. Familiari: “Chi ha sbagliato paghi senza sconti”

prev
Articolo Successivo

Vittime di reati violenti, “elemosina di Stato” con il decreto sugli indennizzi

next