Momenti di tensione, in via Verdi a Napoli, davanti l’ingresso della sede del Consiglio comunale, durante una manifestazione dal titolo “Mediterraneo dei Popoli: pace, cooperazione, rispetto dei diritti e delle identità”, che si sarebbe dovuto tenere nella sala Nugnes del Consiglio. Un gruppo di attivisti dei centri sociali – una decina in tutto – si è scagliato verbalmente contro il consigliere comunale di Fdi-An Andrea Santoro e Lorenzo Fiato, di Defence Europe. Gli stessi attivisti in mattinata avevano organizzato un presidio per contestare l’incontro, descritto da Insurgencia, che ha preso parte alla protesta, come “razzista e dai tratti grotteschi”. Il presidio è stato sgomberato dagli agenti di polizia in tenuta antisommossa per evitare potenziali contatti tra i due gruppi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il bus del Bologna Calcio scortato contromano. La scena al mercato di Ponte Milvio è surreale

next
Articolo Successivo

Roma, maxitamponamento sulla A24: 10 auto coinvolte. Tredici feriti, 3 gravi: tra loro anche un neonato

next