Mario Draghi ha deciso: da gennaio la Banca centrale europea dimezzerà gli acquisti mensili di titoli di Stato e bond aziendali, portandoli da 60 a 30 miliardi di euro al mese. In compenso il quantitative easing continuerà fino a settembre 2018 “o oltre se necessario”. E resta un paracadute: se “le prospettive diverranno meno favorevoli o se le condizioni finanziarie risulteranno incoerenti con ulteriori progressi verso un aggiustamento durevole del profilo dell’inflazione, il consiglio direttivo è pronto a incrementare il programma in termini di entità e o durata”.

La ricalibrazione del programma partito nel marzo 2015 era attesa. Soprattutto perché la Germania preme da tempo per uno stop, sostenendo che il piano di stimolo avvantaggia soprattutto i Paesi meno virtuosi dell’Eurozona consentendo loro di risparmiare sugli interessi pagati sul debito pubblico. Non a caso Draghi ha ammesso che le decisioni prese il 26 ottobre “non sono state unanimi, c’erano differenti visioni”. Sarà comunque “massiccio”, ha detto Draghi, il reinvestimento dei bond acquistati e arrivati a scadenza, “con una media di 10 miliardi al mese”.

La riduzione degli acquisti riflette la “crescente fiducia” sulle aspettative di inflazione, che pure resta lontana dall’obiettivo dell’Eurotower che è quello di portarla sotto ma vicina al 2%. “Se per la crescita lo scenario è soddisfacente”, ha spiegato Draghi, “non si può dire altrettanto” per l’inflazione, prevista all’1,5% quest’anno e all’1,2% il prossimo. Per questo “è ancora necessario uno stimolo monetario”. I rischi sulla ripresa dell’eurozona sono “ampiamente bilanciati” e “il forte slancio ciclico, come hanno evidenziato gli ultimi indici sulla fiducia, potrebbe portare a ulteriori sorprese positive della crescita”. Tuttavia “i rischi negativi continuano a riguardare principalmente i fattori globali e gli sviluppi dei mercati dei cambi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, Tsipras annuncia il “dividendo sociale”: un miliardo di euro ai più poveri per Natale

next
Articolo Successivo

Catalogna, nel cul di sacco spagnolo rischia di precipitare anche l’Unione europea

next