Un architetto è stato trovato morto con il cranio fracassato questa notte a Sarzana, in provincia di La Spezia. Il cadavere è stato trovato da due giovani verso le 21:30, disteso a terra poco distante dalla sua auto a bordo del Calcandola, il fiume locale. Quando l’ambulanza è arrivata l’uomo era già morto, il decesso risalirebbe a un’ora prima del ritrovamento del corpo. Gli accertamenti del medico legale hanno evidenziato profonde ferite alla testa e sul volto. La vittima, Giuseppe Di Negro, 50 anni, era un architetto incensurato molto conosciuto in città. Lascia la moglie e la figlia di 11 anni.

La polizia locale indaga per omicidio e sta cercando di ricostruire le ultime ore di vita dell’architetto. Di negro era andato a trovare i suoi genitori verso le 20:30 prima di rientrare a casa. Ma la zona dove è stato rinvenuto il corpo non rientra nel tragitto che il professionista avrebbe dovuto percorrere per rincasare. Le forze dell’ordine hanno ascoltato alcune testimonianze ma non hanno ottenuto maggiori informazioni sulla dinamica. Ad aiutare gli inquirenti non saranno nemmeno eventuali registrazioni: l’area, una strada sterrata e periferica, è sprovvista di telecamere.