“Pizzeria dal rifugiato”. Il nome non è solo simbolico. A Vicofaro (Pistoia) il sabato sera in via santa Maria Maggiore al civico 74 a sfornare margherite e quattro stagioni ci sono davvero ragazzi arrivati dal Gambia, dalla Guinea, dalla Costa d’Avorio o dalla Nigeria. L’idea è di don Massimo Biancalani, il prete nemico dei militanti di Forza Nuova, al centro ormai da mesi di attacchi e minacce dopo aver postato su Facebook la foto dei migranti che accoglie portati a fare il bagno in piscina. Da allora per lui e i rifugiati che abitano sotto il suo stesso tetto la vita si è complicata: i militanti di estrema destra si sono presentati alla messa di don Massimo per “vigilare sulla dottrina” e nei giorni scorsi il prete ha ricevuto un volantino firmato “Quarto Reich” con tanto di bandiera italiana e svastica. Ma don Biancalani non è tipo da rassegnarsi. Anzi, guarda avanti. E ora ha lanciato questa pizzeria nei locali della parrocchia aperta ogni sabato sera a partire dalle 19.

Dietro il forno a legna e in sala a servire ai tavoli ci sono dodici immigrati africani. Nei giorni scorsi ha diffuso via Facebook un volantino per pubblicizzare l’iniziativa: “Venire a mangiare la pizza a Vicofaro è un modo di esprimere solidarietà, un modo di fraternizzare con questi nostri fedeli che non hanno avuto le nostre stesse fortune o che semplicemente hanno raggiunto le nostre terre in cerca di una fortuna”. Un invito che per ora funziona: durante le prime tre aperture si sono registrati una cinquantina di clienti. “Questo progetto è l’esito di un percorso. I ragazzi – spiega don Biancalani – hanno fatto il patentino per la manipolazione dei cibi, un corso per l’avviamento alla ristorazione. La pizzeria vuole essere un modo reale per creare attività lavorativa per questi ragazzi e contemporaneamente fargli fare esperienza e apprendimento affinché un domani possano presentarsi sul mercato del lavoro con una professionalità”.

Non è l’unica attività a Vicofaro: i rifugiati che sono ospiti nella parrocchia di don Massimo lavorano anche in un orto biologico e in una sartoria. “Dal rifugiato” funziona come in una vera pizzeria: si può restare a cena, sedersi ai tavoli, consumare bevande (anche birra) oppure prendere la pizza da asporto. Nel menù ci sono anche i dolci della casa. Unica differenza: non c’è una tariffa, il tutto è a offerta libera. “Il guadagno viene ripartito tra i ragazzi che hanno lavorato, dodici in tutto. Gli immigrati questi soldi li mandano a casa loro: accogliendo qui si aiuta anche là”, spiega il parroco che ora punta ad aprire anche il venerdì e il sabato. L’obiettivo di don Massimo e dei ragazzi rifugiati è di arrivate a 80-100 clienti a sera. Per ora l’iniziativa non ha registrato alcuna polemica ma solo molta curiosità. I primi ad accogliere a braccia aperte la pizzeria “Dal rifugiato” sono stati proprio i parrocchiani di don Massimo ma in molti sono arrivati il sabato sera anche da fuori per poter dare un aiuto concreta agli immigrati ospitati nella parrocchia di Vicofaro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, omicidio al mercato di libero scambio. La famiglia della vittima: “Nostro dolore non porti al razzismo”

prev
Articolo Successivo

Varese, ritrovata 20enne sparita nel “bosco della droga”: era in autogrill

next